Miglior allenatore dell’anno? Che domande: è Ranieri

La sesta edizione del Premio Enzo Bearzot è stata vinta da Claudio Ranieri. Inevitabile vittoria, dato che il tecnico del Leicester sta davvero facendo l'impossibile in Premier League.

0

Leicester, Leicester e ancora Leicester. Praticamente, quest’anno gli appassionati di calcio non parlano d’altro. Le “Volpi“, come si definiscono gli stessi tifosi della capolista della Premier League, sono finite su tutti i quotidiani sportivi grazie ad una stagione clamorosamente incredibile, che in questo momento le vede vicinissime alla vittoria del titolo. Giocatori semisconosciuti, grinta e voglia di sognare sono gli ingredienti naturali che stanno portando il Leicester ad un successo che appare paranormale. Ma tutto ciò non sarebbe potuto accadere senza il necessario acume tattico che Claudio Ranieri è riuscito a trasmettere a questa squadra.

Danny Drinkwater (www.mirror.co.uk)
Danny Drinkwater, sotto la guida di Ranieri ha ottenuto la convocazione in nazionale (www.mirror.co.uk)

Di fatto, il tecnico romano è stato ingaggiato dal Leicester lo scorso luglio, con l’obiettivo di raggiungere la salvezza. Nella sua carriera, Ranieri ha allenato squadre importanti come Chelsea, Valencia, Roma e Juventus. Sostanzialmente, dopo la precedente pessima esperienza sulla panchina della Grecia, non aveva altra scelta che accettare l’offerta del piccolo club inglese. Eppure, forse la sciagurata esperienza con la Grecia (che comunque non ha fatto meglio dopo l’esonero di Ranieri) si è rivelata quasi un dono, come se il destino avesse voluto farlo cadere appositamente sapendo in realtà benissimo cosa gli avrebbe riservato in seguito.

Mahrez e Vardy festeggiano un gol (www.skysports.com)
Riyad Mahrez e Jamie Vardy, due tasselli imprescindibili per il Leicester di quest’anno (www.skysports.com)

Claudio Ranieri diventerà sicuramente l’allenatore di calcio più noto del mondo, qualora dovesse vincere la Premier League. Nel frattempo, però, il calcio italiano ha già deciso di rendere onore alle sue eroiche gesta realizzate in terra inglese: ieri sera, infatti, l’Unione sportiva Acli ha insignito Ranieri del Premio Enzo Bearzot, che viene attribuito dal 2011 al miglior allenatore italiano dell’anno. La giuria ha motivato (come riporta La Gazzetta dello Sport) che la scelta è ricaduta su Ranieri perché: “Ha confermato, in questa stagione più che in altre, le sue straordinarie doti di maestro del calcio e motivatore instancabile, dimostrando come un gruppo coeso possa arrivare a risultati importanti, nonostante l’assenza di cosiddetti top-player”. In precedenza, il Premio Enzo Bearzot era stato vinto da Claudio Prandelli, Walter Mazzarri, Vincenzo Montella, Carlo Ancelotti e Massimiliano Allegri.