Milan, Calhanoglu sempre più lontano: per l’ingaggio offerti 3 mln, ma il turco ne vuole 7

L'obiettivo della dirigenza è quello, se non si riuscirà a tenerlo in rossonero, di non farlo andar via a parametro zero

0
Hakan Calhanoglu, Wikipedia Commons

Non è un mistero il fatto che Hakan Calhanoglu sia ormai uno dei punti di riferimento della rosa comandata da Stefano Pioli, e dunque il suo rinnovo è al centro degli obiettivi della dirigenza rossonera.

Tuttavia, la questione pare stia diventando sempre più difficoltosa: l’attuale ingaggio del turco si aggira attorno ai 2,5 milioni di euro. Il club avrebbe già offerto di aumentarlo fino a salire a circa 3/3,5 milioni, ma la proposta sarebbe stata rifiutata del giocatore.

La richiesta del numero 10 milanista, secondo quanto riportato da fonti vicine al club, sembra vada dai 6 ai 7 milioni di euro, ossia la cifra che oggi guadagna Zlatan Ibrahimovic.

In qualunque modo volgerà al termine la vicenda ciò che è certo è che la dirigenza avrà come obiettivo principale quello di non farlo andar via (nel caso eventuale in cui non si raggiungesse ad un punto d’incontro) a parametro zero.

Il contratto di Hakan scadrà il prossimo giugno, dunque nel 2021, c’è ancora tutto il tempo quindi tra le due parti di cercare di accordarsi, sperando che tutta questa situazione incida il meno possibile a livello mentale sulle prestazioni del calciatore.