Milan, contatti con l’Everton per Lukaku

0

La chiusura per Vincenzo Montella come nuovo allenatore, la sterzata decisiva nell’affare con i cinesi per il passaggio delle quote di maggioranza da Fininvest a Pechino. Il primo colpo Gianluca Lapadula per rinforzare il reparto avanzato. Il Milan della prossima stagione comincia a prendere forma grazie a queste varie situazioni che si stanno pian piano sbloccando. Il club rossonero vuole formare una squadra dalla base italiana e molto ‘milanista’, ma con dei rinforzi di origine internazionale, calciatori di maturità e qualità tecnica che possano aiutare Montella ed il suo staff a progredire e rilanciare una squadra decisamente in difficoltà nelle recenti stagioni affrontate.

L’ultima indiscrezione proprio riguardante le strategie del club in fatto di mercato e di rinforzi internazionali ha davvero del clamoroso, lanciata dall’emittente televisiva TeleNova, canale che parla in particolar modo di calcio e delle squadre milanesi. Come scritto anche sul profilo Twitter ufficiale, il Milan sarebbe molto vicino a Romelu Lukaku, possentee agile centravanti dell’Everton e della Nazionale belga, calciatore assistito da Mino Raiola che tempo fa ha proprio annunciato che un possibile passaggio di proprietà avrebbe potuto dare l’input necessario al trasferimento del calciatore in rossonero.

Lukaku, calciatore classe ’93 che in passato ha militato anche nell’Anderlecht e nel Chelsea, sarebbe in parola con il Milan proprio grazie al lavoro sotto traccia di Raiola, amico da anni dell’a.d. rossonero Adriano Galliani. Difficile interpretare costi e tempi dell’operazione, ma secondo l’indiscrezione della redazione di Novastadio le parti sarebbero davvero molto vicine. Lukaku sarebbe così il primo grande colpo dell’era cinese al Milan, anche perché è improbabile che l’eventuale costo (intorno ai 40 milioni di euro) possa arrivare dalle risorse Fininvest. Un arrivo del belga rappresenterebbe però una partenza per Carlos Bacca, centravanti colombiano che piace in Italia ed all’estero e che non troverebbe spazio con l’approdo del belga.