Milan, fronte rinnovi: procedono le trattative per Romagnoli, ma l’accordo è ancora lontano

Il capitano, assistito da Mino Raiola, punterebbe ad un piccolo aumento d'ingaggio. Ma la dirigenza non sembra essere molto favorevole

0
Con il mercato di gennaio chiuso ormai da giorni la dirigenza rossonera può ora dedicarsi al rinnovo dei contratti dei giocatori che già vestono attualmente la maglia del Milan, ed il cui contributo per la squadra è fondamentale.

A fremere per un prolungamento d’accordo tuttavia non ci sono solo Donnarumma e Calhanoglu. Per loro il contratto andrà in scadenza a giugno di quest’anno e le trattative per il rinnovo procedono, anche se non senza qualche intoppo.

Altre questioni che interesseranno presto Maldini e il suo entourage riguardano i nomi di Franck Kessie e del capitano, Alessio Romagnoli. Il numero 13 rossonero, in particolare, sta disputando una stagione non all’altezza delle aspettative, Romagnoli resta però uno dei pilastri del Milan anche fuori dal campo.

Sono già in corso i primi confronti con l’agente Mino Raiola per provare a trovare un punto d’incontro prima della fine del campionato. L’agente vorrebbe inserire una clausola rescissoria nel nuovo contratto, oltre che ad un piccolo aumento rispetto all’attuale ingaggio da 3,5 milioni di euro netti a stagione.

Tale richiesta tuttavia cozzerebbe con quelli che sono i paletti posti da Elliott. La volontà della proprietà è infatti quella di porre un freno agli ingaggi, fatta eccezione per Gigio Donnarumma, Zlatan Ibrahimovic e Hakan Calhanoglu.