Milan-Inter, match clou della quarta di Serie A. Le probabili formazioni

0
Inter, Curva Nord stadio San Siro, fonte By Johnny Vulkan from New York, East Village, USA - Forza Inter!, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10510868
Inter, Curva Nord stadio San Siro, fonte By Johnny Vulkan from New York, East Village, USA - Forza Inter!, CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=10510868

Sabato sera andrà in scena il derby di Milano numero 223. A centodieci anni dalla prima stracittadina si rinnova la sfida cittadina che ha accompagnato Inter e Milan attraverso tutto il secolo scorso e continuerà chissà per quanto ancora. Domani le due formazioni dei neo tecnici Conte e Giampaolo si incroceranno ancora una volta per dare vita all’ennesimo scontro che spacca la città in due metà. Ultimamente i nerazzurri sono quelli che hanno festeggiato di più. Negli ultimi sei incontri non hanno mai perso.

Come ci arriva il Milan…

Giampaolo arriva all’appuntamento con una curiosa statistica. Nella sua carriera ha affrontato sei “derby della lanterna” vincendone con la sua Sampdoria quattro e pareggiando gli altri due. Arriverà all’evento orfano di Calabria, squalificato. Al suo posto si rivedrà in campo l’ex atalantino Conti. Musacchio, Romagnoli e Rodriguez completeranno la linea arretrata davanti all’onnipresente Donnarumma. Centrocampo di muscoli e ordine con la presenza di Franck Kessiè e Lucas Biglia. In avanti confermato “il pistolero” Piatek. Alle sue spalle, un trio inedito con Suso, Rebic e uno tra Calhanoglu e Paquetà.

…e come si schierà l’Inter

Conte dovrà fare di necessità virtù. Le fatiche di Champions si sono fatte sentire durante gli allenamenti di avvicinamento e bisognerà scendere a compromessi per ovviare a cali atletici. Nonostante ciò il pacchetto arretrato non dovrebbe subire cambi di sorta. Handanovic tra i pali e i tre cavalieri Godin, Skriniar e De Vrij  a sua difesa scenderanno in campo regolarmente. L’incognita sulle condizioni di Candreva attanaglia ancora il tecnico che fino all’ultimo non scioglierà il riserbo. Se non dovesse farcela sarà D’Ambrosio a presidiare la fascia destra. Solito ballottaggio per una maglia da titolare tra Barella e Vecino, con l’uruguayano leggermente favorito sull’ex Cagliari. Confermati invece gli altri della mediana Asamoah, Brozovic e Sensi. In avanti la vera sorpresa dell’incontro. A fare da spalla all’ormai recuperato Lukaku ci sarà Matteo Politano. Conte rinuncia, quindi, all’attacco pesante col belga e Lautaro Martinez puntando tutto sulla velocità dell’ex Sassuolo.

Milan (4-3-3): Donnarumma; Conti, Musacchio, Romagnoli, Rodriguez; Kessié, Biglia, Calhanoglu; Suso, Piatek, Rebic.

Inter (3-5-2): Handanovic; Godin, De Vrij, Skriniar; Candreva, Vecino, Brozovic, Sensi, Asamoah; Politano, Lukaku.