Milan, l’indiscrezione del New York Times: “Yonghong Li non possiede miniere”

0
Logo Milan
Logo Milan

Hanno del clamoroso le notizie giunte nelle ultime ore dagli Stati Uniti, secondo quanto riportato dal New York Times, noto quotidiano statunitense, Yonghong Li, patron del Milan, non sarebbe il proprietario di ciò che lui indica nel proprio patrimonio. Ecco infatti quanto si legge sulle colonne del giornale:

“Quando il businessman cinese Li Yonghong ha comprato il Milan, in Italia, virtualmente, nessuno aveva mai sentito parlare di lui. E virtualmente nemmeno in CinaMr. Li non è mai stato nominato nella lista degli uomini più ricchi del suo paese. Il suo impero, descritto agli ufficiali della federazione italiana, è stato indicato in possedimenti minerari.Tuttavia, Mr. Li sembrava avere quello che contava: i soldi. Ha comprato il club ad aprile per 860 milioni di dollari dall’ex premier italiano Silvio Berlusconi ed ha concluso il più grande accordo che un cittadino cinese ha portato a termine nel mondo del calcio. Oggi, l’acquisizione del Milan da parte di Mr. Li sembra essere l’emblema di una serie di “troubled Chinese deals”. Tuttavia dall’ambiente Milan fanno sapere di aver fatto verificare le proprietà del patron dalle banche e dagli avvocati coinvolti nelle trattative per l’acquisto del club. Ma il giornale statunitense, citando varie fonti cinesi, sostiene comunque che le miniere di lui Li sarebbe proprietario sarebbero state in possesso di quattro persone differenti nell’ultimo anno e la cosa strana risiederebbe nel fatto che i passaggi di proprietà sarebbero avvenuti senza passaggio di denaro.