Milan, Ljajic scaricato dall’Inter: i rossoneri ci pensano

0

I rossoneri si preparano ad una vera e propria rivoluzione, con o senza cinesi. Il Milan ha delle lacune in tutti i reparti, e diversi giocatori lasceranno probabilmente la squadra. L’ultima idea per l’attacco del Milan possibile rivoluzione è un nome che qualche anno fa aveva fatto parlare molto di se’ proprio in chiave rossonera, un fantasista ancora piuttosto giovane che viene però da una stagione non esaltante. Si tratta di Adem Ljajic, serbo classe ’91 di proprietà Roma ma in forza all’Inter con la formula del prestito. Tutt’altro che esaltanti i numeri stagionali di Ljajic in nerazzurro: 26 presenze e 3 reti all’attivo, con un picco di prestazioni a metà campionato per poi finire nel dimenticatoio a nel finale, addirittura non convocato da Roberto Mancini nell’ultima contro il Sassuolo per scelta puramente tecnica. Il 25enne tornerà a Roma per la fine del prestito ma sarà certamente smistato in qualche altro lido. E proprio il Milan potrebbe provare a rilanciare Ljajic, calciatore che come detto piaceva non poco ad Adriano Galliani qualche stagione fa. Era l’estate 2013 quando i fitti colloqui con l’agente Fali Ramadani facevano presupporre un sicuro ingaggio per la nuova stagione con i rossoneri. Ma la Fiorentina, allora proprietaria del cartellino, non fu molto d’accordo riguardo i contatti continui tra le parti e preferì cederlo alla Roma che sborsò 11 milioni di euro per il talento balcanico. Oggi Ljajic non ha la considerazione di tre anni fa, viste le due ultime stagioni fin troppo deludenti e discontinue. Ma è un profilo, per età, qualità tecnica e prezzo non altissimo, che dovrebbe poter essere alla portata del Milan del futuro, anche se ci sarà da aspettare gli sviluppi dal punto di vista societario. L’attaccante romanista è in scadenza contrattuale al giugno 2017 e dunque potrebbe partire con un’offerta a basso costo. Difficile pensare ad uno scambio con Stephan El Shaarawy, ma secondo Calciomercato.it l’ipotesi Milan non è per nulla da escludere.