Milan, parte la trattativa con Maldini: proposto il ruolo di direttore tecnico

0

Milan e Maldini: due destini che potrebbero tornare a convergere. Secondo quanto riporta Sky Sport, il futuro amministratore delegato del MilanMarco Fassone, avrebbe incontrato l’ex capitano del Milan e gli avrebbe proposto un importante ruolo nella nuova società rossonera, come direttore tecnico. Paolo Maldini si è preso qualche giorno di tempo per decidere ma avrebbe chiesto autonomia nelle scelte ed un rapporto diretto con i cinesi, non interfacciato da Fassone, un ruolo molto simile a quello che ha avuto e continua ad avere Adriano Galliani in questo momento con il presidente Berlusconi e Fininvest. Qui emergono i problemi della trattativa perché la proprietà cinese avrebbe auspicato un rapporto meno “rigido” con l’ex capitano del Milan, un ruolo sì di rilevanza soprattutto nelle scelte di mercato ma collegiale e cooperante con Fassone ed il ds in pectore Massimiliano Mirabelli. Maldini vorrebbe però maggiori poteri, privi di subordinazione.

ALTERNATIVA AMBROSINI – Dalla firma del preliminare avvenuta il 5 agosto che ha portato nelle casse di Fininvest 15 milioni di euro, intervallata dalla seconda tranche della caparra di 85 milioni, arrivata lo scorso 6 settembre, si attende solo il closing, la cui data fissata è quella del 20 novembre, giorno in cui si disputerà il derby della madonnina contro l’Inter. Da quel 5 agosto si sono succeduti diversi nomi chiamati a rappresentare il leader, l’anima storica, la bandiera, collante tra il Milan che fu ed il Milan che verrà. Si è parlato di Albertini, che ha implicitamente rifiutato, scontento della piega “nerazzurra” che ha preso la futura società, Costacurta ha messo subito in chiaro di gradire un ritorno in rossonero, è emerso anche il nome di Massimo Ambrosini, che non si era lasciato troppo bene con il mondo Milan. E’ proprio il pesarese a costituire l’alternativa più credibile qualora la trattativa (paradossale definirla tale) con Maldini non dovesse andare in porto. Dopo Fassone e Mirabelli anche la casella riguardante la bandiera storica potrebbe essere presto occupata.