Milan, si riapre la corsa Champions ma lo spogliatoio è nel caos!

0
Lite tra Gattuso e Bakayoko durante Milan-Bologna. Font. foto Instagram

Il Milan riesce a portare a casa i 3 punti dalla sfida interna contro il Bologna di Mihajlovic. Grazie a questa vittoria i rossoneri sono di nuovo in corsa per il quarto posto, a pari punti con la Roma e a meno 3 dall’Atalanta. Ora se il Milan è intenzionato ad arrivare in Champions è obbligato a vincere tutte e tre le partite rimanenti. La più complicata è proprio quella di sabato prossimo al Franchi contro la Fiorentina. I viola vengono da un periodo negativo, trovando solamente 2 punti nelle ultime 6 partite, e sicuramente cercheranno di riscattarsi. Inoltre saranno molti gli assenti in casa Milan per questa gara. Biglia ha subito l’ennesimo infortunio, Paquetà e Kessie sono squalificati e Bakayoko molto probabilmente non scenderà più in campo fino a fine stagione.

Infatti Bakayoko è nuovamente sotto i riflettori. Al 26′ di Milan-Bologna, Lucas Biglia cade a terra e Gattuso è costretto a sostituirlo. Quest’ultimo si rivolge e Bakayoko, incitandolo a togliersi giacca e tuta. Nonostante ciò il giocatore si siede in panchina, dicendo all’allenatore di non essere ancora pronto. A questo punto Ringhio fa entrare in campo Josè Mauri e Bakayoko manda platealmente a quel paese il tecnico rossonero. Gattuso per evitare ulteriori scenate, si rivolge al giocatore dicendogli: “ci vediamo dopo nello spogliatoio”.

Come già noto, lo spogliatoio del Milan è nel caos, e l’episodio di ieri sera è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Già in settimana l’allenatore ha mandato la squadra in ritiro punitivo, per un ritardo in allenamento proprio di Bakayoko. Anche dopo la sconfitta contro il Torino dello scorso 28/04, alcuni giocatori del Milan sono stati visti a divertirsi in discoteca. Senza poi dimenticarsi del caso Kessie-Acerbi-Bakayoko e della lite in mezzo al campo tra Kessie e Biglia durante il derby. Questi non sono atteggiamenti da ‘Milan’ e si prevedono provvedimenti da parte della società di Via Aldo Rossi, in primis il non riscatto di Bakayoko dal Chelsea.