Milan, torna di moda Sirigu come vice-Donnarumma

0

Il vice-Gigi Buffon per antonomasia sta per tornare in Italia. Il secondo portiere della Nazionale italiana Salvatore Sirigu presto lascerà il Paris Saint Germain, club nel quale milita ormai da cinque anni. Da quando l’allora dg Leonardo lo strappò al Palermo a sorpresa, assieme a Javier Pastore.

Dopo alcune stagioni da protagonista, l’esperto estremo difensore è stato relegato in panchina dal Psg. E anche con l’arrivo del tecnico Unai Emery sembra che il suo destino sia quello di fare da riserva, alle spalle dei più giovani Kevin Trapp e Alphonse Areola.

Sirigu non è stato neanche convocato per la tournée statunitense della squadra e dunque gli è stato lanciato il messaggio di cercarsi un nuovo club. Il suo desiderio è quello di tornare in Serie A ed i media nazionali parlano dell’Inter, soprattutto nel caso in cui la società nerazzurra sacrificasse sul mercato Samir Handanovic, portiere titolare richiestissimo all’estero. Ma occhio anche all’inserimento del Milan, che potrebbe tornare sul numero uno sardo.

I rossoneri, secondo Calciomercato.it, potrebbero provare ad avvicinarsi a Sirigu proponendogli il ruolo di secondo portiere d’esperienza, alle spalle del titolarissimo Gianluigi Donnarumma che il prossimo febbraio compierà 18 anni. Difficile però che l’ex palermitano possa accettare tale ruolo di vice, visto la sua volontà di rilanciarsi da titolare e mantenere il posto tra i portieri della Nazionale italiana. Inoltre l’ex Palermo percepisce uno stipendio da circa 3 milioni di euro netti annui. Troppi soldi per un vice. Basti pensare che Diego Lopez, diretto verso il Chelsea, ne prende 2,5.

Se davvero dovesse arrivare a Milanello un portiere di esperienza, non sarà certamente un profilo dai costi elevati. Comunque al momento Montella proverà a dare fiducia a Gabriel Vasconcelos Ferreira, rientrato dal prestito al Napoli. Il giovane brasiliano, anch’esso desideroso di giocare, era dato per cedibile qualche settimana fa. Adesso sembra destinato a rimanere. Non ci sono offerte importanti per lui.