Molestie sessuali a Hollywood. Angela Lansbury: “A volte le donne devono assumersi la responsabilità”

Polemiche per le dichiarazioni dell'ex Jessica Fletcher sugli scandali sessuali di Hollywood

0
Angela Lansbury (foto da profil Flickr Alan Light)

Non accenna a placarsi lo scandalo mediatico in tema di molestie sessuali, tentate o consumate, che ha coinvolto sempre più persone nel mondo dello spettacolo a partire dalle accuse mosse contro Harvey Weinstein, potente produttore hollywoodiano, e che si stanno allargando a macchia d’olio fino a coinvolgere un crescente numero di celebrità, attori, registi e produttori.

Molti i volti noti che stanno prendendo posizione nei confronti della scabrosa vicenda, tra cui l’attrice Angela Lansbury, nota al pubblico come “La Signora in Giallo”, le cui recenti dichiarazioni non hanno mancato di suscitare diverse polemiche.

L’ex Jessica Fletcher ha infatti detto la sua a proposito dello scandalo sessuale che ha travolto il mondo dello spettacolo in occasione di un’intervista rilasciata per il magazine Radio Times; l’attrice ha più volte sottolineato che non ci sono scuse per il comportamento di uomini come Harvey Weinstein, ma ha poi aggiunto che : “alcune volte le donne dovrebbero assumersi la responsabilità per le molestie subite, perchè sono disposte a tutto per sembrare più attraenti”.

La Lansbury ha poi cercato di spiegare meglio ciò che intendeva dire, aggiungendo: “Ci sono due lati della medaglia. Dobbiamo prendere atto del fatto che da tempo immemore le donne hanno sempre cercato, con ogni mezzo, di rendersi più attraenti. Sfortunatamente questo si è ritorto contro di noi, ecco a che punto siamo. A volte dobbiamo assumerci la responsabilità, donne. Lo penso davvero. Nonostante sia triste da dire, dobbiamo prendere coscienza che voler essere belle senza essere infastidite è impossibile”.

Sebbene l’intervento si sia concluso con una ferma condanna da parte della Lansbury verso tutti i molestatori, le dichiarazioni dell’attrice sono state oggetto di feroci critiche, tra cui quelle di Rape Crisis England & Wales, l’associazione a sostegno delle donne vittime di stupro: “è un mito profondamente stupido che lo stupro e altre forme di violenza sessuale siano causate o provocate dalla sessualità o dall’attrattiva delle donne. Lo stupro è un atto di violenza sessuale, potere e controllo che ha poco o nulla a che fare con il desiderio sessuale. È tanto offensivo per gli uomini quanto per chiunque non sia in grado di assumersi la responsabilità dei propri comportamenti”.