Molestie sessuali a Hollywood. Bryan Cranston: “Una seconda chance per Kevin Spacey e Harvey Weinstein”

0
Bryan Cranston al Giffoni Film Festival

Non accenna a placarsi lo scandalo mediatico in tema di molestie sessuali, tentate o consumate, che ha coinvolto sempre più persone nel mondo dello spettacolo a partire dalle accuse mosse contro Harvey Weinstein, potente produttore hollywoodiano, e che si stanno allargando a macchia d’olio fino a coinvolgere un crescente numero di celebrità tra cui l’attore Kevin Spacey.

Molti i volti noti che stanno prendendo posizione nei confronti della scabrosa vicenda, tra cui l’attore Bryan Cranston che recentemente ha provato con garbo a spezzare una lancia in favore dei protagonisti dello scandalo.

Il celebre attore, noto per aver interpretato Walter White nella serie cult Breaking Bad ma conosciuto dal pubblico anche per aver interpretato il ruolo di Hal Wilkerson Nella sit-com Malcom in the Middle, dopo aver dichiarato a proposito di Kevin Spacey che è “un fantastico attore, non certo una brava persona”, torna sull’argomento durate un’intervista per la BBC affermando che Hollywood potrebbe concedere una seconda possibilità sia a Spacey che a Weinstein.

Ci vorrà del tempo, c’è bisogno che la società li perdoni e loro devono dimostrare un pentimento profondo e reale”, ha dichiarato Cranston. “Oltre alla consapevolezza che queste persone hanno un problema emotivo e psicologico che richiederà anni di impegno prima di poter parlare di miglioramenti, se ci dimostrassero che ci stanno lavorando costanza e umiltà, chiedendo perdono invece di provare a discolparsi, forse in futuro ci sarà ancora spazio per loro.”

Il nostro compito è valutare casisticamente se queste persone meritano o no una seconda possibilità”, prosegue Cranston. “Credo si possa lasciare uno spiraglio in tal senso. Dovremmo dimostrare una certa superiorità, essere migliori di tutto questo. Lasciamo aperta una porta per coloro che possono ancora superare i proprio problemi e recuperare dignità e rispetto. Forse è possibile”.