Mondo del calcio in lutto, la SLA si è portato via Pietro Anastasi

0
Fonte: Wikipedia. Foto di Google immagini contrassegnate per essere riutilizzate.

Il mondo del calcio piange un grande calciatore e persona: Pietro Anastasi. Nella giornata di ieri, il celebre attaccante della Juventus degli anni Settanta si è arreso alla SLA ed è deceduto all’età di 71 anni. Un altro calciatore, quindi, non è riuscito a combattere contro la brutta malattia e il terribile annuncio è arrivato nella giornata di ieri.

Pietro Anastasi, chiamato Pietruzzo proprio per le sue origini siciliane, è nato a Catania il 7 aprile del 1948. Anastasi è stato sicuramente stato tra i migliori bomber in italia durante gli anni Settanta. Prima di arrivare alla Juventus dove, in otto anni, ha racimolato 307 presenze e 133 reti, ha indossato la maglia di Massiminiana e Varese. Dopo la Juventus, l’attaccante ha vestito la maglia della rivale dell’Inter, poi Ascoli e infine Lugano. Nonostante il passaggio ai nerazzurri, il calciatore è sempre stato nel cuore della tifoseria bianconera.

Questo il cordoglio della Juventus: “Oggi è un giorno triste per tutta la Juventus, per il calcio italiano e per tutti coloro che lo hanno conosciuto. Pietro Anastasi ci ha lasciato all’età di 71 anni“.

Era impossibile non volere bene a “Pietruzzu”, come lo chiamavano tutti i tifosi a rimarcarne la sua origine siciliana, perché è stato uno juventino fino in fondo e alla squadra del suo cuore ha trasmesso tutta la sua passione. Quella che da bambino, raccattapalle al Cibali di Catania, lo vede chiedere una foto accanto al suo idolo John Charles“.

La Juventus abbraccia la moglie Anna, i figli Silvano e Gianluca e saluta Pietro con una semplice parola grande quanto lui: Grazie“. Il mondo del calcio e non solo si stringe alla famiglia dell’ex calciatore.