domenica, Maggio 19, 2024
HomeSportMoto Gp: video frontale incolpa Marquez. Renzi telefona Rossi!

Moto Gp: video frontale incolpa Marquez. Renzi telefona Rossi!

Novità di grande rilievo di quest’oggi per quanto riguarda la Moto Gp. Spunta fuori un video, nel quale è stato ripreso dalle telecamere presenti sul tracciato di Sepang l’incidente tra Valentino Rossi e Marc Marquez da una prospettiva frontale nei confronti delle due moto.
Il video è in grado di mostrare chiaramente come sia stato il pilota spagnolo in forza alla Honda a deviare la sua traiettoria repentinamente, appoggiando quindi il suo casco sulla pedana del pilota italiano di casa Yamaha, costringendolo a tirare fuori la gamba sinistra per allontanare il pericolo caduta, in modo da evitare di essere trascinato sull’asfalto da Marquez, il quale era già in fase di caduta al momento del presunto calcio da parte di Valentino.
Il campione italiano aveva infatti invitato tutti, alla fine della gara di Sepang, a rivedere il video frame by frame dell’incidente, dall’inquadratura della telecamera che si trovava a bordo dell’elicottero. Secondo il pilota trentaseienne di Urbino, quella sarebbe stata un’ inquadratura già sufficientemente utile a chiare la sua innocenza sull’accaduto. A maggior vigore della tesi di Rossi, arriva oggi un video, costituito da una ripresa frontale dell’incidente, il quale mostra chiaramente la colpevolezza di Marquez e l’infondatezza, quindi, del reclamo effettuato da Honda verso la direzione gara, la quale, in maniera ancor più ingiusta, avrebbe conferito a Valentino una penalizzazione consistente nella perdita di 3 punti dalla patente e l’obbligo di partire ultimo a Valencia, ultima gara del campionato mondiale, nel quale Rossi è attualmente primo con un margine di 7 punti da Jorge Lorenzo secondo.
Estreme, quindi, le condizioni di gara di Rossi in vista di questo sprint finale nella lotta per il decimo titolo mondiale. Il Dottore quest’oggi ha ricevuto anche una telefonata da parte del premier Matteo Renzi dal Sudamerica, il quale ha dato supporto morale al pilota italiano, assicurandogli che l’Italia a Valencia sarà tutta con lui.
Speriamo di vedere l’impresa impossibile, il miracolo realizzarsi in Spagna, dove, forse, ancora una volta “The Doctor” insieme con la sua Yamaha numero 46 potranno salire sul tetto del mondo, innalzando la bandiera italiana, facendo suonare per l’ennesima volta l’Inno di Mameli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME