Motti rivoluzionari nel settore dei Social Network? La nascita di “Monkey”

0

I social network hanno cambiato la vita di molte persone e spesso, non si sa se in meglio o in peggio. Certo è che, nonostante tutto, hanno rivelato mondi mai esplorati prima e hanno messo in luce altrettanti temi importanti.

Nel corso degli anni, ce ne sono stati tanti ma quello che maggiormente ha conquistato la “massa” mondiale è stato Facebook che, però, oggi sembra avvertire qualche acciacco. In effetti – rimane sempre il più utilizzato ed apprezzato – coloro che lo hanno creato e che lo utilizzano sono cresciuti e la generazione successiva cerca il proprio spazio al di fuori di quei confini già conosciuti. Allora, ecco che due giovani (poco più che adolescenti, 17 e 18 anni) inventano un nuovo social network e lo chiamano “Monkey”. Esso, ha come scopo principale quello di far conoscere, casualmente e per poco tempo, persone che non hanno nulla in comune se non l’essersi iscritti sul suddetto social. Insomma, se dopo aver chattato un pò si piacciono possono diventare amici come è successo a Ben Pasternak e Isaiah Turner. Il primo, è di Sydney e ha avuto, sempre, una spiccata passione per la creazione di app ecc… tanto da farsi notare con “Flogg” (eBay adolescenziale) mentre il secondo, giocherellava su queste cose dal Maryland. Attualmente, la loro vita e la loro base lavorativa sono a New York.

social network

C’è da chiedersi, quindi, se non ci sia una specie di motto “rivoluzionario” in atto o se, invece, la disponibilità tecnologica a basso costo esistente non abbia dato a molti appassionati, la possibilità di crearsi un futuro. Tuttavia questo nuovo social network ha creato alcune polemiche poichè, pare, che ci sia il rischio di attuare un meccanismo strano coinvolgendo i ragazzini in pratiche poco chiare.