Muffa in casa: 3 metodi efficaci per farla sparire

0

Diverse persone tutti i giorni si trovano a combattere contro la muffa, un’ostinata formazione che si concentra spesso negli angoli della parete. Spesso è di colore nero e se non viene contrastata continua a crescere, rendendo gli ambienti malsani e pericolosi per via delle spore che si sprigionano. La muffa, infatti, è un tipo di fungo che si sviluppa per colpa dell’umidità in eccesso all’interno degli ambienti. Moltissimi si ostinano a passare dei prodotti appositi contro la muffa, come quelli a base di candeggina, senza però agire sulla causa primaria che provoca la muffa, cioè l’umidità e il vapore acqueo.

Se non si fa nulla per ridurre il tasso di umidità, la muffa continuerà a formarsi ancora e ancora. Per far sparire la muffa una volta per tutte definitivamente, questi sono 3 metodi efficaci da mettere subito in pratica.

1.      Usare un deumidificatore

Il deumidificatore è un apparecchio che serve proprio per ridurre e abbassare il livello di umidità all’interno degli ambienti domestici. È in grado di risucchiare l’aria presente nella stanza, rimuovere l’umidità e poi rimetterla in circolo. Un deumidificatore preleva la condensa presente nell’aria e la raccoglie in un serbatoio. Alla fine della giornata, basta aprire il serbatoio per vedere il valore che il deumidificatore ha fatto. Ci sono modelli pensati per stanze più o meno grandi da scegliere in base alla metratura. I deumidificatore prezzi sono commisurati alla metratura e alla potenza dell’apparecchio.

Un deumidificatore si usa per ridurre l’umidità anche se non c’è muffa; per esempio, durante la stagione estiva è utile abbassare l’umidità per avere una temperatura più piacevole. Infatti, spesso non serve abbassare i gradi della temperatura ma basta ridurre la percentuale di umidità per avvertire meno caldo. Il deumidificatore si sua anche in autunno e inverno quando le giornate piovose e umide sono frequenti. Può tornare utile per velocizzare l’asciugatura della biancheria stesa dentro casa grazie a funzioni specifiche dei migliori modelli.

2.      Arieggiare e aprire le finestre

Altro modo per evitare che il vapore acqueo e la condensa creata si depositi sulle pareti, è arieggiare e aprire le finestre. Anche durante la stagione fredda è importante aprire le finestre per almeno una decina di minuti ogni giorno per far uscire l’aria umida. Dopo aver fatto la doccia, è indispensabile aprire un po’ la finestra altrimenti c’è il rischio che si sviluppi la muffa per un eccesso di umidità.

3.      Accendere il riscaldamento

Un altro sistema per ridurre la percentuale di umidità all’interno degli ambienti è riscaldare. Aumentare la temperatura grazie al sistema di riscaldamento, permette di togliere l’umidità che spesso si crea in ambienti come il bagno per via dell’uso dell’acqua calda oppure in cucina a causa delle pentole e padelle sul fuoco a cuocere. Se il termosifone fosse chiuso o non dovesse più funzionare, basta chiamare un idraulico per farlo ripartire.