Museo Atlantico: il primo parco di sculture sottomarino d’Europa.

0
pr company handout
Fonte : Company Handout

Il Museo Atlantico è l’ultima opera del grande scultore Jason de Caires Taylor. L’artista,nonché istruttore subacqueo qualificato e fotografo riconosciuto, ha realizzato un parco sottomarino in onore delle numerose vittime dell’emigrazione. Lo spazio,situato nell’arcipelago Lanzarote nelle isole Canarie, ospita più di trecento sculture rappresentanti diverse scene. “The Rubicon” è un gruppo di trentacinque figure umane che raffigurano i residenti di Lanzarote, trasmettendo l’ideale di uguaglianza umana e sociale. In onore del recente naufragio a Lampedusa,simbolo attuale della crisi dei rifugiati,Taylor innalza il gruppo di statue appartenenti al “Raft of Lampedusa”. “Los Jolateros” invece,sono un gruppo di bambini a bordo di una piccola barca, esaltando maggiormente la tragicità degli accadimenti. Procedendo lungo il percorso, il visitatore potrà ammirare sculture di ibridi, per metà umani e per metà cactus, espressione della coesistenza armonica dell’uomo e la natura. In particolar modo,l’artista precisa che la collocazione di queste rappresentazioni promuove la “rigenerazione della vita marina”. Il mare – spiega l’artista – assimila volutamente l’opera per “trasformare oggetti inerti in una parte viva della barriera corallina. Vuole significare che l’intervento umano può sempre incoraggiare la nascita della vita”. Inoltre, Taylor intende ricordare quanto sia l’uomo ad essere parte integrante della natura e non il contrario, per sfatare il mito del controllo scientifico dell’uomo sul mondo naturale.

Lo scultore trasmette anche l’interesse per le recenti questioni sociali e comunicative, attraverso la scultura di una coppia che realizza un selfie con una scultura, simbolizzando l’utilizzo della tecnologia nella nuova società moderna.

I visitatori possono immergersi e praticare snorkel tra le sculture,nella suggestione di una meravigliosa esperienza subacquea nell’oceano. Il mare gode di un paesaggio allestito con materiali salutari per l’ambiente, che incoraggia una speranzosa unione sana della natura con l’artificiosità umana.

Numerosi sono i premi attribuiti alle opere di Taylor, il quale già nel 2006 si è cimentato in  progetti analoghi:  a Granada è situato un parco omaggiato dal National Geographic come uno delle sue Top 25 meraviglie del mondo; in Messico si ammira,invece,la penultima creazione dell’artista, il ‘Museo Subacqueo de Arte”. Per non parlare dei numerosi premi prestigiosi e dei numerosi pubblicazioni e documentari.

Fonte : Company Handout
Fonte : Company Handout

Ancora una volta l’arte si presta come soggetto di interpretazioni utili e di riflessioni sempre più necessarie alla vita, nelle opere creative e ammalianti di Jason de Caires Taylor. Nelle dichiarazioni e nei tentativi di chi,oggigiorno, tende ancora a preservare e trasmettere valori utili ad un tenore di vita da sempre sperato.