Napoli, ADL rivoluziona la squadra: a giugno arriva anche il grande botto di mercato?

0
De Laurentiis, Presidente del Napoli
Fonte foto: Di Gino pilotino - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=65618643

Nell’ultimo mercato di gennaio il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis ha concluso diversi acquisti. In soli trenta giorni, infatti, la dirigenza partenopea ha ufficializzato cinque acquisti spendendo 92 mln di €. Di questi cinque, solo tre (Demme, Lobotka e Politano) sono arrivati subitoo. Gli altri due (Rrahmani e Petagna), arriveranno in azzurro solo il prossimo giugno.

Il presidente partenopeo, quindi, ha già iniziato una vera e propria rivoluzione della squadra. Durante il calciomercato estivo, infatti, arriveranno altri colpi a rinforzare gli azzurri ma molti saranno anche i calciatori che faranno le valigie ed andranno via da Napoli per sempre.

Il Napoli 2020/21, infatti, potrebbe essere senza alcuni pilatri di questi ultimi anni: Koulibaly, Allan, Mertens e José Maria Callejon. Quest’ultimo, in particolare, avrebbe già comunicato l’addio e andrà a scadenza una volta conclusa la stagione. A far le valigie ci sarà anche Hirving Lozano, il quale sarebbe destinato in Inghilterra alla corte di Carlo Ancelotti.

L’ammutinamento e le continue prestazioni negative hanno portato la società ad optare per la scelta di cambiare quasi tutta la squadra.

In estate, inoltre, potrebbe arrivare anche il grande botto che a Napoli manca ormai da tanto tempo. Aurelio De Laurentiis, infatti, starebbe studiando diversi profili per rinforzare il ruolo di attaccante centrale dal momento che Arek Milik non sembra convincere al 100%. Il nome che stuzzica maggiormente il presidente azzurro è quello di Mauro Icardi. L’attaccante dell’Inter, infatti, sicuramente non resterà a Parigi anche la prossima stagione e quindi farà ritorno a Milano. All’Inter, però, per lui non c’è più spazio e la volontà di Wanda Nara è quella di restare in Italia. Aurelio De Laurentiis, quindi, potrebbe piazzare un colpo da 60 milioni di euro e rinforzare una volta per tutte un attacco che, quest’anno, non riesce ad incidere.