Napoli, buco finanziario da 100 milioni: ecco il piano di De Laurentiis

0

Le ultime due mancate partecipazioni del Napoli in Champions League hanno creato un buco finanziario nelle casse del club non interesse. Secondo quanto riportato dall’edizione odierna di Repubblica, all’appello mancano circa 100 milioni di euro.

Ovviamente alla creazione del deficit ha contribuito pesantemente la difficile situazione causata dal Covid-19, che ha messo in ginocchio anche il mondo del calcio. Aurelio De Laurentiis comunque, che la storia insegna essere sempre attentissimo ai bilanci del proprio club, non permetterà che la stabilità economica del Napoli continui a scemare.

Per l’impresa partenopea i costi sono diventati ormai insostenibili, a fronte di entrate che per vari motivi non sono più equivalenti a quelle che erano solite registrarsi qualche anno fa.

Ecco allora che il Napoli va incontro ad un prevedibile ed inevitabile ridimensionamento, volto ad abbassare l’età media della rosa, e soprattutto a tagliare il monte ingaggi della stessa.

Come conseguenza, i calciatori attualmente più pagati del Napoli saranno “presi di mira”. Tra tutti vi è ad esempio il caso Insigne. Al capitano del Napoli è stato proposto un rinnovo a ribasso. Di risposta il calciatore napoletano ha rifiutato l’offerta, accettando poi la corte del Toronto FC.

Altre operazioni da inquadrare nella nuova politica del “taglio stipendi” sono la cessione di Manolas in Grecia, e i futuri addii di Faouzi Ghoulam e Dries Mertens. Per quanto riguarda quest’ultimo, che attualmente guadagna ben 4.5 milioni di euro, il rinnovo potrebbe essere possibile, ma a cifre notevolmente molto più basse a quelle percepite finora.