Napoli, Ciro Venerato gela tutti: “Sarri mai valutato da ADL per un ritorno però lui sarebbe voluto tornare in caso di Europa League”

Sarri, secondo Venerato, avrebbe insistito per tornare al Napoli. Di tutt'altro avviso de Laurentiis che per il futuro potrebbe voler puntare su un nome del tutto nuovo e mai menzionato prima.

0
Maurizio Sarri
Maurizio Sarri, foto di flickr.com

La rivelazione choc da parte del giornalista Rai, Ciro Venerato, arriva come un fulmine a ciel sereno e getta nello sconforto migliaia di tifosi partenopei. Questa volta non si tratta di una bomba di mercato ma di una indiscrezione che capovolge completamente l’intero punto di vista sulla questione allenatore per il post-Gattuso.

Come noto a fine giugno, con la naturale scadenza del contratto, il Napoli e Gattuso si diranno addio senza troppe recriminazioni. Il tecnico calabrese, che ha preso il timone della squadra ereditato da Ancelotti, verrà lasciato libero di accasarsi altrove, mentre per il club si è già aperto un casting degno delle migliori produzioni hollywoodiane. I nomi sulla lista di Aurelio De Laurentiis e Cristiano Giuntoli sono tanti. Anche se, per Venerato, almeno uno sarebbe stato inserito più dalla stampa che dai due dirigenti.

Intervenuto su Radio Kiss Kiss Napoli, il cronista Rai ha infatti svelato: “Sarri non è mai stato valutato da De Laurentiis. Era Sarri che sarebbe voluto tornare in azzurro e ha dato il via libera in caso di nuovi contatti. Anche in caso di Europa League“. Una notizia che ribalta completamente il paradigma tra società e tecnico e che forse mette la parola fine ai rumor che vorrebbero proprio il toscano nuovamente seduto sulla panchina del Napoli nelle stagioni a venire.

Intanto si va via via chiarendo la posizione della Fiorentina che ha da tempo messo nel mirino l’uscente Gattuso. Commenta Venerato: “La Fiorentina segue con attenzione Ringhio, ha scelto lui, ma come ho già detto in passato è lui che non ha sciolto le riserve. Gattuso non ha detto sì alla squadra gigliata perché non è convinto del progetto. Lui è un tecnico molto ambizioso e lo ha dimostrato”. 

Da alcuni giorni però sarebbe spuntato sempre nella famosa lista dei manager napoletani anche un altro nome di grande pregio. Si tratterebbe di Luciano Spalletti, fermo da giugno 2019 dopo la parentesi all’Inter. Nonostante alcune voci parlino di chiaro depistaggio, altre invece sostengono l’arrivo del toscano che finalmente farebbe giocare l’undici azzurro col modulo tanto caro a De Laurentiis (4-2-3-1) e che metterebbe finalmente in bella vista il talento di Zielinski, Mertens e Insigne alle spalle del nigeriano Osimhen.