Napoli, Diego Demme pensò di chiedere la cessione col passaggio al 4-2-3-1

0
Diego Demme, Foto Wikipedia
Diego Demme, Foto Wikipedia

Diego Demme, arrivato a Napoli quasi contemporaneamente all’avvento di Gennaro Gattuso sulla panchina azzurra, ha rappresentato un punto cardine del gioco gattusiano. Nel 4-3-3 del primo anno infatti, il regista italo tedesco era il padrone della regia azzurra, facendo da collante tra difesa e centrocampo.

Il secondo anno della gestione Gennaro Gattuso però è attualmente caratterizzato dall’adozione tattica del 4-2-3-1, che ha spaventato e non poco Diego Demme. Secondo quanto riportato nelle ultime ore da Il Corriere dello Sport infatti, il regista ex Lipsia aveva pensato addirittura di chiedere la cessione all’alba della nuova stagione.

L’addio poi ovviamente non si è materializzato, con Demme che sta pian piano riuscendo a ritagliarsi un ruolo importante anche in questo nuovo scacchiere tattico organizzato da Gennaro Gattuso. La speranza del calciatore è quella di ritornare ad essere un perno fondamentale del centrocampo azzurro, magari con un eventuale ritorno al 4-3-3.

Da capire ora, con l’imminente ritorno di Fabian Ruiz, quali saranno le gerarchie per il centrocampo del Napoli. Diego Demme infatti sta dimostrando a suon di prestazioni di garantire maggior equilibrio e dinamicità rispetto al collega di reparto spagnolo.

Allo stesso tempo però Gennaro Gattuso ha più volte dimostrato di preferire il centrocampo a due con Bakayoko e Fabian Ruiz, al fine di avere maggiore qualità tecnica davanti alla difesa. La differenza tra i due assortimenti però sta apparendo evidente a tutti.