Napoli, firma ad un passo con Spalletti poi sarà mercato: Emerson Palmieri primo obiettivo

Luciano Spalletti è atteso in città per la firma con cui si legherà al napoli per i prossimi anni. Il primo obiettivo del toscano sarà lanciare l'assalto ad Emerson Palmieri, pupillo del tecnico dai tempi della Roma.

0
Luciano Spalletti fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18194766
Luciano Spalletti fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18194766

Il Napoli è pronto ad accogliere Luciano Spalletti come prossimo allenatore del gruppo azzurro. Dopo l’addio di Gattuso accordatosi con la Fiorentina e il ritorno di Allegri alla Juventus, toccherà al toscano di Certaldo prendere le redini d un club che punta forte ad imporsi in Italia e in Europa.

le voci dell’arrivo di Spalletti giravano vorticosamente negli ambienti partenopei ormai da settimane. L’ex tecnico di Roma e Inter, dovrebbe arrivare in città già nella prossima settimana per firmare un contratto biennale con opzione per un ulteriore terzo anno.

A rilanciare l’indiscrezione ci ha pensato in queste ore il cronista Rai, Ciro Venerato che ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli chiosa: “Spalletti sarà il prossimo allenatore del Napoli senza dubbi. Allegri era l’ultimo ostacolo ma si è accordato con la Juve. Anche Marotta ha bussato alla porta di Max ma il tecnico ha rifiutato preferendo il progetto dei bianconeri“.

Appena Spalletti avrà posto la propria firma sul contratto col Napoli ci si concentrerà sul mercato. Anche a tal proposito Venerato spiega: “Emerson Palmieri deve molto a Spalletti (i due furono insieme alla Roma, NdR) e potrebbe essere una futura trattativa. Spalletti è quello che più si avvicina a Sarri come allenatore e facevo il tifo per lui per la panchina azzurra“. Ma non è finita qui.

Un’altra questione che inevitabilmente Spalletti dovrà fronteggiare è la richiesta che Gattuso ha perpetrato alla Viola in sede di trattativa. Il calabrese vorrebbe con sé, nella nuova avventura toscana il fedelissimo Matteo Politano. La dirigenza per ora nicchia lasciando il compito di decidere sul futuro del laziale a chi si succederà a Ringhio al tione del club.