Napoli, Gattuso pronto a rinnovare ma niente super clausole!

0

Il Napoli di Gattuso è una delle più belle sorprese di questo inizio di campionato. L’allenatore calabrese, dopo aver preso in corsa la guida del club lo scorso gennaio, è riuscito a ridare gioco e coesione ad un gruppo che con Ancelotti sembrava ormai avviato verso lo smembramento. Non un miracolo ma il frutto di un’applicazione determinata e fiera di un tecnico ormai maturo e pronto a vincere.

La dirigenza è ogni giorno sempre più convinta dell’operato di Gennaro Gattuso, tanto che a breve il coach si siederà con i manager partenopei per iniziare le manovre che porteranno al rinnovo. Dopo lo stand-by di agosto le prove tecniche di intesa potrebbero finalmente decollare a cavallo tra ottobre e novembre per arrivare ad una fumata bianca alla fine della fase a gironi di Europa League il prossimo 10 dicembre.

Lo stop estivo era stato da imputare più che altro alle tante clausole e penali che l’istrionico patron De Laurentiis ama includere in tutti i contratti da lui stipulati. Ovvio il parallelo con Sarri sul cui contratto pendeva una gigantesca penale da 8 milioni di euro qualora il toscano avesse voluto lasciare Napoli prima della conclusione dell’accordo. Una clausola che Gattuso ha già dichiarato di non voler a nessun costo sottoscrivere.

Le pretese del tecnico calabrese non sono comunque da top manager. Gli undici milioni che ogni anno l’Inter versa nelle tasche di Antonio Conte sono lontani anni luce dalla mente di Gattuso. Il rinnovo si giocherà sulla base dei 2 milioni di euro a stagione per tre anni. I bonus saranno limitati alla vittoria di trofei e non ai piazzamenti. La distanza tra le parti è minima e c’è tutto il tempo per lavorare sui dettagli.

Il Napoli, storicamente, non è mai stata una piazza semplice. La pressione è tanta e i tifosi chiedono a gran voce di tornare ad alzare nuovi trofei. L’esperienza con De Laurentiis ha riportato entusiasmo in città dopo il fallimento del 2004 ma a dispetto di una Coppa Italia e una Supercoppa, il palmares continua a fregiarsi di titoli ormai troppo lontani nel tempo. L’obiettivo è rimpinguare le bacheche societarie al più presto e Rino Gattuso sembra l’uomo giusto per tale compito.