Napoli, Ghoulam in scadenza offerto al Cagliari: posto libero per Olivera?

Tra i possibili partenti Faouzi Ghoulam, si libera un posto per Mathias Olivera?

0
Logo Napoli
Wikipedia

Per il mercato di gennaio il Napoli ha davvero tanti nomi sui quali contare. Trattative sicuramente complesse, non solo a livello economico ma soprattutto per la competitività degli altri club. Il club azzurro dovrà in ogni caso cedere qualcuno per far spazio nella rosa, altrimenti non sarà affatto possibile acquistare. Da Milano arrivano notizie, infatti, circa una cessione al Cagliari di Faouzi Ghoulam.

Le parole di Nicolò Schira

Stando alle ultime dichiarazioni, il Napoli sarebbe intenzionato ad acquistare Mathias Olivera del Getafe già da gennaio. Tuttavia, per poter fare ciò dovrà liberare un posto nella rosa: tra questi probabilmente partirà Ghoulam in scadenza a giugno. Nicolò Schira, giornalista ed esperto di calciomercato, ha scritto sui social:

“Faouzi Ghoulam è stato offerto a Cagliari. A giugno scade attualmente il contratto dell’esterno sinistro con il Napoli”.

Parola chiave: cedere

Nell’edizione di ieri, infatti, il Corriere dello Sport aveva puntato i riflettori sulla questione del cedere qualche giocatore per fare spazio nella rosa. “Il verbo-chiave per sbloccare il mercato di gennaio del Napoli è: cedere. Ovvero: se parte Ghoulam, titolare di un ingaggio super, arriva un terzino sinistro; se parte un centrocampista, è l’indiziato sarebbe Demme, allora si affonda per Nandez. Entrambe ipotesi estremamente complesse, se non impossibili per il tempo residuo” si legge sul quotidiano.

Tuttavia, sono contrastanti le voci di mercato poiché Luca Marchetti, facendo il punto della situazione a Calciomercato l’originale, ha sottolineato: “Il Napoli l’ha praticamente opzionato per giugno, ma ci proverà con un’offerta valevole già in questa sessione di mercato. Prestito con obbligo di riscatto di circa 10-11 milioni di euro. Il Napoli lo prenderà certamente a giugno e ha detto al Getafe che sarebbe disposto a prenderlo anche adesso. La risposta potrebbe non essere favorevole ma c’è questa possibilità”.