Napoli, i giocatori vogliono chiarezza: colloqui con la proprietà subito!

0
Lorenzo Insigne fonte foto: Di Photo by Clément Bucco-LechatCropped by Danyele - Original photo, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=57130305
Barça - Napoli - 20140806 -

La situazione non è ancora incandescente ma presto lo potrebbe diventare in casa Napoli. Ad avere incolmabili dubbi sulla gestione della società sono gli stessi giocatori che vorrebbero avere al più presto garanzie sul futuro del club. Ecco perché alcuni sembra abbiano chiesto un colloquio con De Laurentiis e i suoi manager, una notizia che potrebbe avere serie ripercussioni anche sul campo e nei risultati.

A fare il punto sugli umori sempre più neri della rosa partenopea è il giornalista RAI Ciro Venerato che ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli svela: “I giocatori del Napoli sono poco sereni e sbagliano giocate facili”, segno forse di una irrequietezza la cui origine potrebbe essere da imputare alla situazione tutt’altro che chiara in seno alla società.

Continua Venerato sostenendo: “Ci sono giocatori che da tempo chiedono un colloquio definitivo alla proprietà e nel frattempo devono aspettare giugno per avere una risposta. Penso ai vari Insigne, Fabian Ruiz e altri”. Una condizione che, secondo il giornalista crea malumori e incomprensioni. I due giocatori menzionati aspettano da tempo un rinnovo contrattuale. Sapere di non poter contare neppure su un accordo di massima e al contempo di fare da parafulmine quando le cose non vanno nella maniera giusta sembrerebbe davvero troppo.

L’ultimo rumor Venerato lo riserva al grande assente delle ultime gare, Kalidou Koulibaly. “Questa situazione non ha proprio aiutato l’andamento stagionale. Da quello che mi arriva la situazione è magmatica. Sul modulo penso si vada avanti con la difesa a quattro e non la linea a tre. Per quanto concerne Koulibaly, Gattuso deciderà in queste ore se lo impiegherà o meno”.

Insomma il Napoli non sembra stia vivendo il suo momento migliore. La posizione in classifica però è ancora buona e un paio di risultati positivi potrebbero rilanciare gli azzurri nella corsa al terzo posto. Tutto dipenderà dall’esito di questo colloquio. Per il bene di tutti si spera che le parti possano capirsi e appianare le proprie divergenze.