Napoli, il vero colpo è stato trattenere Petagna! Ferrero tuona: “Accordi non rispettati!

De Laurentiis era già pronto a farlo fuori, sacrificandolo sull'altare dei conti del club. Rinunciando a risparmiare 3 milioni e poco più il Napoli si ritrova in squadra un bomber su cui contare.

0
Andrea Petagna fonte foto: Di Ago76 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52712432
Andrea Petagna fonte foto: Di Ago76 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52712432

A volte il destino è davvero difficile da comprendere. Soltanto poche ore prima della chiusura ufficiale del calciomercato, Andrea Petagna era pronto per essere ufficializzato come nuovo acquisto della Sampdoria. Soltanto qualche giro di orologio dopo si è deciso di non portare a termine l’operazione, di fatto consegnando al Napoli un giocatore in più per inseguire i suoi sogni di gloria.

Difficile capire cosa sia frullato nella mente dei dirigenti azzurri dopo gran colpo con cui Petagna aveva messo ko il Genoa. L’ex giocatore della Spal era entrato da pochi minuti ma grazie alla sua incredibile fame era riuscito a consegnare al club tre punti davvero preziosi per l’andamento del campionato. Eppure l’accordo con i blucerchiati era già bello che pronto. L’attaccante triestino si sarebbe trasferito in Liguria e il Napoli avrebbe risparmiato sul costo del suo cartellino e incamerato qualche milione dalla sua cessione.

Poi però qualcosa è cambiato. Secondo alcune voci De Laurentiis stesso avrebbe stoppato ogni cosa intervenendo in prima persona e togliendo dal mercato il suo uomo-gol. Una manovra che non farà risparmiare al club i 3,6 milioni lordi dell’ingaggio del friulano ma che da qui in avanti potrebbe ricompensare in reti e risultati.

A rimanerci peggio di tutti è il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero che ai microfoni di Sport Mediaset racconta: “Petagna? Dovete chiedere a De Laurentiis, eravamo d’accordo ma poi gli accordi non sono stati rispettati. Ogni volta veniva aumentato qualcosa, ho detto sempre sì ma alla fine ho dovuto dire no“.

A chi gli ha chiesto qualcosa in più sul “caso Petagna” l’eccentrico patron blucerchiato ha poi risposto: “Caso Petagna? La salute ci guadagna. Tutti i calciatori sanno che qui si sta bene, la città è bella, i tifosi sono i migliori d’Europa. Ho mandato un messaggio a De Laurentiis per risolvere il problema ma gli accordi non sono stati rispettati, e non da parte nostra. Comunque basta parlare di Petagna! Abbiamo un grande calciatore, molto motivato e l’età non conta. Guardate Quagliarella, che Mancini dovrebbe convocare. O lui o Caputo contro l’Inter mi faranno un regalo“.