Coronavirus, Napoli in ripresa: all’ospedale di Giugliano solo 4 casi positivi su 456

0
Medici al lavoro. Foto di Google contrassegnata per essere riutilizzata.

Continua il trend positivo per quanto riguarda i contagi nella zona di Napoli e provincia, che già da qualche giorno ha visto stabilizzarsi il numero dei casi complessivi, così come il numero dei deceduti.

Stavolta, dopo l’eccellenza del Cotugno di Napoli, è stato l’ospedale San Giuliano di Giugliano a dare segnali di speranza; nella giornata del 22 aprile infatti su un numero totale di 456 test sierologici effettuati su pazienti e personale medico, solo 4 casi sono risultati positivi, e messi preventivamente in quarantena domiciliare.

Questo tipo di test non vanta la stessa affidabilità del classico tampone, ma permette di avere una risposta in tempi molto più rapidi, il che si rivela un fattore chiave soprattutto per il controllo di infermieri, medici ed operatori sanitari, che se non verificati per tempo potrebbero diventare in qualsiasi momento i fautori di una nuova ondata di contagi all’interno della struttura.

Ad oggi quindi possiamo affermare che il nosocomio, coordinato dal Direttore Quinto Nunzio, è in situazione di sicurezza e rappresenta l’ennesimo segnale dato dal sistema sanitario campano, che sta gestendo al meglio il contenimento dell’epidemia. In poche settimane, infatti, il San Giuliano ha saputo riorganizzarsi e adattarsi a centro d’emergenza da Covid-19, senza però trascurare il trattamento dei pazienti affetti da altri tipi di patologie.

Preoccupano ed invitano a non abbassare la guardia invece i risultati ottenuti dal vicino ospedale di Pozzuoli, che ad oggi conta più di 50 contagiati. È stato proprio in virtù dell’esperienza puteolana infatti che il San Giuliano, così come altri ospedali campani, ha deciso di effettuare uno screening completo sul personale.