NAPOLI-JUVE: 1-1 MARIKA FRUSCIO DIXIT

0
Aprono le danze i fischi interminabili rivolti a Gonzalo Higuain. Un’intera città ha accolto cosi il “core ingrato” che, dal canto suo, incassa l’offesa e continua a testa bassa il riscaldamento pre-gara. La Juve inizia bene ed al primo affondo riesce a portarsi in vantaggio.
E’ Khedira a sorprendere Rafael, approfittando dello sbandamento difensivo del Napoli. L’uno- due con Pjanic è efficace e bleffa il reparto arretrato azzurro. Questa è l’unica vera azione offensiva della Juve anche perchè, a vantaggio acquisito, la squadra di Allegri opta per una politica difensiva.
La juve si chiude ed il Napoli fa la partita. Questo è il tema della serata, il monologo azzurro fa sperare i tifosi e regala emozioni. Il Napoli domina con buone triangolazioni e un palleggio rapido e preciso, con ottime giocate di prima. Anche se, nell’effettivo le conclusioni son state alquanto sterili ed hanno impegnato poco Buffon. Le linee strette ed il baricentro basso dell’intera Juve hanno ostacolato la manovra azzurra, stemperando l’estro e le iniziative di Mertens, Insigne e Callejon.
La juve se da una parte lascia l’iniziativa al Napoli, dall’altra si è chiusa bene, concedendo poco. Hamsik prova ma il tiro è impreciso, Insigne tenta di arrivare in area con un magistrale dribbling ma poi non riesce a centrare lo specchio della porta. I bianco-neri, seppur remissivi nella fase offensiva, si dispongono in maniera ordinata in difesa e riescono a tamponare i tentativi dei partenopei.
RIPRESA
Hamsik si prende sulle spalle l’attacco del Napoli, diventando pedina indispensabile avanti.
Il capitano gioca più centrale e diventa sia suggeritore nelle azioni e sia protagonista di iniziative personali. Marek prova per vie centrali a superare le barriere difensive della Juve e suggerisce palle interessanti per Mertens e Callejon. Lo spagnolo riesce a trovare il goal approfittando un ingenuità di Buffon, ma la sua  posizione è in netto fuorigioco. Il pareggio lo sigla lo stesso capitano con un destro a giro. La buona intesa con Mertens, sorprende Lichsteiner e Buffon. I bianco-neri vanno in evidente difficoltà ma il Napoli non riesce ad approfittare della situazione. Anche la sfortuna non aiuta i padroni di casa che avrebbero meritato il raddoppio ma un clamoroso palo impedisce a Mertens l’esultanza del goal.
La sfida del S.Paolo finisce in parità, risultato che non altera la classifica e permette comunque alla Juve di restare a debita distanza dalla Roma. La bella prestazione del Napoli invece galvanizza l’ambiente e rende meno impossibile l’impresa di mercoledi, sempre contro la Juve in Coppa Italia. Certo che l’atteggiamento leggero dei piemontesi dovrà essere necessariamente rivisto in previsione della partita contro il Barcellona. L’essere troppo attendisti lascerebbe spazio e possibilità al Barcellona di imporre il suo gioco. E sappiamo come sia difficile bloccare certi colossi del calcio li avanti…..