Napoli. La movida di Chiaia si macchia ancora di sangue

0
Piazza dei martiri

Ancora un sabato di sangue per le strade di Napoli. Stanotte, poco prima delle tre, in Vico Satriano, a pochi passi da Piazza dei Martiri, un diciannovenne napoletano è stato accoltellato.

L’aggressione è avvenuta, proprio mentre nel quartiere popolato dalla movida tipica del sabato sera, era scattato un blackout.

Sul posto è subito intervenuta la squadra Crispi del 118, che ha trasportato il giovane all’ospedale San Paolo.

Giunto in ospedale, i medici, hanno dichiarato il giovane un codice rosso. Paziente in grave pericolo di vita.

Il ragazzo ha riportato gravi ferite alla gamba con un coltello, nonché evidenti segni di percosse nel resto del corpo.

I motivi di tale aggressione, sono tutt’ora ignoti. Il diciannovenne, ai sanitari ha dichiarato che è stato colpito da un gruppo di balordi senza un apparente motivo: “Sono stato aggredito senza motivo“.

I poliziotti, giunti in ospedale, non hanno potuto indagare ulteriormente, in quanto il ragazzo oltre ad essere ferito, vigeva anche in un evidente stato di ebrezza.

Ciò che colpisce di questa vicenda è la frequenza con cui accadono questi episodi. Giovani magari innocui che vorrebbero passare semplicemente un sabato in compagnia di amici, bevendo una birra in tranquillità, diventano protagonisti di vicende simili. Protagonisti e vittime di una violenza inaudita e insensata compiuta talvolta da gruppi di scellerati.

Talvolta giovanissimi che invece di uscire per passare un sabato sera in armonia, escono soltanto per aggredire, derubare, ferire e nel peggiore dei casi uccidere giovani che si trovavano semplicemente nel posto sbagliato, all’ora sbagliata, divenendo vittime di una violenza insensata. Tanto ancora c’è da fare per poter debellare questo fenomeno.

Sono infatti, un paio di anni a questa parte che i luoghi della movida napoletana sono protagonisti di questi avvenimenti.Ciò fa sì che anche zone più agiate di Napoli, diventano luoghi pericolosi e invivibili.