Napoli, le richieste di Dries Mertens per rinnovare: le cifre del possibile nuovo ingaggio

0
Dries Mertens, fonte By Дмитрий Садовников - soccer.ru, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70176066
Dries Mertens, fonte By Дмитрий Садовников - soccer.ru, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=70176066

In casa Napoli le attenzioni sono tutte su Dries Mertens. L’attaccante azzurro, infatti, ha il contratto in scadenza il prossimo giugno e, senza rinnovo, farà le valigie ed andrà via dalla città partenopea. Attualmente, infatti, non è stato trovato alcun accordo con il presidente Aurelio De Laurentiis.

Dries Mertens è stato offerto un ingaggio pari a quello attualmente percepito per altri due anni. Il presidente De Laurentiis, inoltre, gli ha offerto anche un ruolo dirigenziale all’interno del suo Bari al termine della carriera. L’attaccante azzurro, però, non ci ha pensato due volte ed ha declinato l’offerta.

Mertens, infatti, anziché un ruolo dirigenziale vorrebbe un ingaggio più elevato rispetto agli attuali 4 milioni. Il belga vorrebbe un riconoscimento per quanto fatto con la maglia azzurra. Difficile, quindi, trovare un punto d’incontro. Questo braccio di ferro porterà all’addio di Mertens a fine stagione  a meno di ripensamenti da parte di Aurelio De Laurentiis.

Al presidente azzurro, infatti, l’attaccante napoletano avrebbe chiesto almeno un milione di euro in più rispetto agli attuali percepiti. Al bomber, infatti, non interessa una carriera da dirigente attualmente, ma vuole continuare a giocare nel rettangolo verde di gioco.

Stessa situazione anche per José Maria Callejon. Il giocatore, infatti, avrebbe comunicato già la sua volontà di andare via al termine del contratto. Dalla Cina, infatti, sarebbe arrivata un’offerta irrinunciabile dal Dalilan di Rafa Benitez e Marek Hamsik: un contratto di tre anni da 10 milioni di euro a stagione per un totale di 30 milioni. Per guadagnare tale cifra con la SSC Napoli con l’attuale stipendio, Callejon dovrebbe giocare altri 10 anni.