Napoli, l’emergenza non ferma la malavita: esplode ordigno nel rione Vasto

0
Fonte web

É accaduto questa notte intorno alle 3:30. Nel rione Vasto di Napoli, precisamente tra Via Ferrara e Via Nazionale, è stato piazzato un ordigno artigianale davanti una piccola attività commerciale, un panificio/salumeria.

Il boato causato dall’esplosione è stato avvertito a kilometri di distanza, causando il panico tra i residenti; alcune testimonianze parlano anche di tremori avvertiti fin dentro le abitazioni adiacenti al luogo.

I danni riportati ai locali sono stati gravi, in particolare le serrande esterne del negozio sono state completamente distrutte, così come l’area d’entrata del locale interno. Per fortuna non si registrano attualmente danni ad altri edifici o a persone. La Polizia locale ha già aperto un fascicolo d’indagine sull’accaduto, poche ore prima infatti a Giugliano in Campania erano stati arrestati due uomini che erano risultati in possesso di due bombe incendiarie, nascoste sotto i sedili della loro autovettura.

I proprietari del panificio, interrogati dalle forze dell’ordine, hanno riferito di non aver ricevuto alcuna minaccia in precedenza al gesto estremo compiuto nella scorsa notte. Tuttavia la pista più quotata rimane quella di un gesto di vendetta realizzato da parte delle organizzazioni malavitose del posto in seguito ad un eventuale mancato soddisfacimento della richiesta del pizzo, una forma di estorsione che consiste nel pretendere il versamento di una percentuale o di una parte dell’incasso in cambio di una supposta “protezione” dell’attività.

In un momento già molto difficile per tutti i possessori di piccole o grandi attività commerciali, dato dalla situazione di emergenza da Coronavirus, la Camorra sembra non mollare la presa, e continuare a pretendere il versamento di pagamenti illeciti.