Napoli, Mertens: “Sarri mi faceva impazzire, ero stufo. Una volta giocai male deliberatamente”

0
Dries Mertens
Dries Mertens, foto di commons.wikimedia.org

Dries Mertens, centravanti inamovibile del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano belga Sportmagazine toccando vari temi. Ecco allora le interessanti parole del belga.

Hai dovuto aspettare fino a quando hai 30 anni e la tua quarta stagione per essere un giocatore base indiscusso al Napoli. Lo hai trovato ingiusto? 

“Non mi piace usare la parola ingiustizia. Ho ricevuto una buona educazione da casa e questo mi ha aiutato a rimanere paziente”.

Dopo la partenza di Gonzalo Higuaín e l’infortunio di Arkadiusz Milik sei stato valorizzato da Sarri nel dicembre 2016. Hai immediatamente fatto una tripletta contro il Cagliari, seguita da un quattro gol contro il Torino. Hai concluso la stagione con 38 gol. Da allora in poi hai visto diversamente il tuo modo di giocare in Italia?

“In particolare, ero meno frustrato … Avevo parlato molto con Sarri i mesi prima, quando non giocavo. Nella sua prima stagione mi ha fatto giocare dall’inizio sei volte. Ogni settimana venivo chiamato alla sua scrivania e dovevo sentire quanto gli dispiacesse il fatto che mi avesse messo di nuovo in panchina. Quella persona mi ha fatto davvero impazzire e spesso mi sono arrabbiato. Ci sono stati momenti in cui volevo combatterlo. Mi ha chiesto di capire il suo punto di vista. E ha detto di sperare che un giorno sarei diventato un allenatore, in modo da capire perché fosse utile avere un giocatore come me in panchina.

In una partita contro la Sampdoria ed ero così stufo della situazione che avevo deciso che avrei deliberatamente giocato male.

Ma Sarri mi ha conosciuto fino in fondo, sapeva che non ero in grado di sostenerlo per più di cinque minuti. E aveva ragione”.