Napoli, Presentazione di Luciano Spalletti: “I calciatori del Napoli sono in debito con me”

0
Spalletti inter
Luciano Spalletti , allenatore dell'Inter dal 2017. Foto Wikipedia

L’8 luglio c’è stata la presentazione del nuovo allenatore del Napoli: Luciano Spalletti. Il toscano si è presentato in conferenza stampa al Ssc Napoli Konami Training Center di Castel Volturno. Il tecnico ex-Inter ha toccato vari punti partendo dalla soddisfazione dell’organico attuale fino ad arrivare anche sulla serie di Francesco Totti, “Speravo de morì prima”.

Il mister torna ad allenare e a parlare con la stampa dopo quasi due anni di assenza e ha mantenuto il suo carattere di imprevedibilità e originalità, rilasciando dichiarazione avvolte da un alone di mistero. In particolare una dichiarazione ha lasciato gli addetti ai lavori spiazzati: ” “Come farò a spronare i giocatori? Loro sono già in debito con me, tutti, poi lo racconterò a loro. Non posso dirlo a voi“. Sull’argomento è intervenuto anche Aurelio De Laurentiis: “Lo sono anche con me.

Sono state date molte interpretazione a riguarda, che hanno fatto sorgere anche alcune controversie. Secondo la la redazione di Canale 21, l’ex Inter e Roma si riferiva al mancato accesso degli azzurri alla prossima edizione della Champions League. Il mister di Certaldo avrebbe voluto tanto partecipare nella prossima stagione alla Coppa dei Campioni.

Ma è proprio questo il motivo che ha spinto il patron, Aurelio De Laurentiis, a scegliere Spalletti come erede di Gattuso: con lui la Roma, Zenit e Inter si sono sempre qualificate per l’Europa che conta e non solo. Ora i partenopei si troveranno per il secondo anno consecutivo lontano dal grande palcoscenico europeo, cosa che non è mai accaduta sotto la gestione De Laurentiis.

Il Napoli e Spalletti però si dovranno accontentare dell’Europa League, una competizione comunque dal suo fascino e che dalla prossima stagione vedrà la partecipazione di 32 squadre e non più 64. E chissà se i partenopei con il nuovo tecnico, non possano riportare alla terra del Vesuvio, questo trofeo europeo, già conquistato nel 1989 (all’epoca era la Coppa Uefa).