Napoli-Sarri si può! De Laurentiis ricuce il rapporto con l’ex tecnico e in città l’entusiasmo è alle stelle!

Sarri avrebbe rifiutato la corte di Roma, OL e Tottenham negli ultimi tempi. Tutti indizi che fanno pensare ad un accordo col club di De Laurentiis. I rapporti sono nuovamente buoni col patron e la città preme per un ritorno del mister di Figline al timone degli azzurri.

0
Maurizio Sarri fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=51408605
Maurizio Sarri fonte foto: Di Football.ua, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=51408605

Non c’è l’ufficialità, né ci sarà a breve ma le strade del Napoli e di Maurizio Sarri potranno ricongiungersi dopo anni di lontananza e perché no, di nostalgia. E’ chiaro che il rapporto del mister con l’ambiente azzurro e la società non si sia mai davvero spezzato. D’altronde tre stagioni al cardiopalmo e sempre in lotta per lo scudetto hanno lasciato dolci ricordi nel capoluogo campano, così come nell’uomo che presto potrebbe tornare a guidare il club dopo un’esperienza all’estero, una in bianconero e un anno sabbatico.

Le prove di disgelo con Maurizio Sarri partono infatti da lontano e arrivano direttamente dal presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis. A svelare il particolare retroscena ci ha pensato il giornalista Rai, Ciro Venerato che ai microfoni di Radio Kiss Kiss dichiara: “Sarri ha apprezzato molto un gesto di De Laurentiis. Quando l’allenatore fu esonerato dalla Juventus, il presidente gli fece una telefonata e i due parlano di tante cose, non solo di calcio. C’è stato un disgelo tra i due”. 

La pista che porterebbe ad un “Sarri-bis” sarebbe avvalorata inoltre da una serie di indizi raccolti in questi ultimi tempi proprio dal cronista partenopeo. “Ho ricevuto una telefonata da Figline Valdarno da parte di amici dell’ex Juventus e ho scoperto delle cose interessanti. Maurizio Sarri non ha firmato con nessuna squadra. Un mese fa ha detto di no all’Olympique Marsiglia. Arsenal e Tottenham lo seguono, così come Roma ma lui non firma”.

Retroscena interessante e che parla di un Sarri che ha davvero voglia forse di ritornare in quello stadio (anche se oggi con un nome diverso) che lo ha reso uno dei tecnici più celebri al mondo. Una sorta di ritorno alle proprie radici per iniziare un lavoro che auspicabilmente dovrebbe culminare con la vittoria.

Sempre Venerato dichiara: “Mi hanno detto che quando ha saputo che la Roma sta valutando lui e Allegri, Sarri si è messo a ridere perché si tratta di due profili troppo diversi. Il mister di Figline ha due priorità: la prima è che vuole allenare e non gestire, chiede una squadra che abbia voglia di imparare. Sarri ha vinto una Europa League e uno Scudetto con Chelsea e Juventus, ma sente più il Napoli che le altre squadre. La seconda cosa è questa: per Maurizio il Napoli ha la priorità assoluta. Qualora De Laurentiis si palesasse, lui metterebbe il Napoli al primo posto. E arriverebbe anche in caso di Europa League”.