Napoli, lo stadio San Paolo divide la società e il comune guidato da De Magistris

0
ADL
Aurelio De Laurentiis, foto di flickr.com

Lo stadio “San Paolo” è l’oggetto del contendere tra il sindaco De Magistris e il presidente del Napoli De Laurentiis.
Lo scontro tra i due va avanti da molti anni, con accuse reciproche ma alla fine chi ci perde è solo il Napoli e i suoi tifosi.
Lo stadio versa in condizioni piuttosto critiche, anche se sono partiti, proprio quest’estate, dei lavori per la sostituzione dei sediolini e per il rifacimento della pista atletica.

A causa dell’incertezza sulla data di fine lavori, il presidente De Laurentiis ha deciso di non inaugurare alcuna campagna abbonamenti.
La tensione tra la società e il comune è tangente e potrebbe portare ad uno strappo tra le parti.

Napoli, quale sarà lo stadio della squadra?

Il presidente sta vagliando alcune proposte, dato che il suo sogno è quello di avere uno stadio di proprietà.
Il presidente ha sempre provato ad acquistare il “San Paolo”, ma alla fine non c’è mai stato l’accordo con il comune.

Al vaglio ci sarebbe anche la possibilità di costruire uno stadio fuori Napoli, anche se è un’ipotesi piuttosto remota.

Per il momento le ipotesi al vaglio della società sono molte ed è per questo che, almeno per quest’anno, la società continuerà ad affittare lo stadio “San Paolo”, in attesa di poter avere uno stadio di proprietà.