Napoli, senti Emerson Palmieri: “Avevo detto sì a Spalletti e al club, poi non so cosa sia successo”

0
Emerson Palmieri, fonte Di @cfcunofficial (Chelsea Debs) London from London, UK - Chelsea 4 Hull 0, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=66555883
Emerson Palmieri, fonte Di @cfcunofficial (Chelsea Debs) London from London, UK - Chelsea 4 Hull 0, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=66555883

La sessione del Napoli di calciomercato è stata caratterizzata in gran parte da un nome molto ricorrente: Emerson Palmieri. Il terzino sinistro ex Chelsea è stato a lungo accostato al club partenopeo, sembrando spesso sul punto di firmare.

Poi, come i fatti hanno raccontato, di Emerson Palmieri alla corte di Luciano Spalletti non si è fatto più nulla. Lo stesso calciatore ha provato a spiegare il motivo del mancato trasferimento ai microfoni della Gazzetta dello Sport, in un’intervista rilasciata nelle ultime ore. Eccone dunque un estratto.

“Al Chelsea avevo poco spazio e Roberto Mancini mi ha detto che ai miei livelli si deve stare sempre in campo. Ho parlato con Spalletti e dato il mio accordo al Napoli. Non so perché non si è fatto. Il Lione mi ha presentato un bel progetto e in due o tre giorni ho deciso. Credo di aver fatto un’altra scelta giusta. C’è un gruppo giovane e unito”.

Insomma, a quanto pare neanche Emerson Palmieri sa il motivo preciso per cui non è riuscito ad indossare la casacca azzurra. Alla luce del suo successivo approdo al Lione, club che ha sborsato una cifra molto esigua per l’operazione, il dubbio diviene ancora più forte.

Probabile è che De Laurentiis e Cristiano Giuntoli abbiano valutato superfluo l’innesto di un terzino sinistro, con Faouzi Ghoulam a libro paga e per l’ennesima volta sull’arrivo del ritorno. La speranza dunque è che il terzino algerino possa tornare a giocare con continuità e ad alti livelli, così da poter dar manforte al suo compagno Mario Rui.