Napoli, Sorbillo riapre e offre pizze

"Mettiamo da parte l'accaduto perché è inutile piangersi addosso" dichiara Gino Sorbillo, il maestro pizzaiolo più famoso del mondo.

0
Fonte Flickr

La storica pizzeria di Via Tribunali riapre al pubblico in seguito a una bomba esplosa che ha devastato il locale. Gino Sorbillo, il maestro pizzaiolo più famoso del mondo, ha riaperto la sua attività e ha offerto pizze a tutti come segno di ringraziamento per la solidarietà dimostrata dai napoletani (e non).

“Oggi si riapre con un entusiasmo che definirei incrementato ed è il segnale di una Napoli che si rialza” ha commentato Sorbillo. “Mettiamo da parte l’accaduto perché è inutile piangersi addosso. Diamo piuttosto un segnale concreto di reazione. Sono ottimista verso il lavoro di istituzioni e forze dell’ordine in queste ore. Lo stesso sindaco Luigi de Magistris, che qualcuno ha criticato dicendo che aveva disertato la manifestazione di due giorni fa, cosa non vera perché era venuto ma era dovuto andar via per altri impegni, sarà stamattina con noi” continua.

In molti hanno espresso solidarietà per il pizzaiolo a partire dai cittadini napoletani, al vice premier Di Maio, il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico, l’assessore regionale alla Sicurezza Franco Roberti, l’attore Alessandro Gassman, la conduttrice delle «Iene» Nadia Toffa e Luciana Littizzetto, la quale ha dichiarato a Che Tempo Che Fa: “Solidarietà a un amico, Gino Sorbillo, da cui amo mangiare la pizza”.

Non solo in Italia, la fama di Gino Sorbillo è internazionale. I giornalisti del New York Times, di fatti, saranno oggi a Napoli per girare un reportage sull’accaduto.