NBA, i Cavaliers spengono gli Heat 102-92

0

Prima partita alla Quicken Loans Arena della stagione NBA 2015/2016, prima vittoria interna per i Cavs. Gara ad altissima intensità nei primi due quarti, con Wade (25 punti) e Bosh (16 punti con 7/15 FG e 2/4 da tre) che inizialmente riescono a tenere testa alla corazzata guidata da LeBron James. Dopo sette minuti del primo periodo di gioco, Deng è costretto a sedersi in panchina per aver gia commesso due falli; a sostituirlo il diciannovenne rookie Winslow, che per tutta la partita subisce difensivamente l’impeto di King James. L’ex Miami chiude con 29 punti e 13/19 FG. Kevin Love, 24 punti e 14 rimbalzi a referto, domina nel primo quarto sia offensivamente che difensivamente mettendo a segno 9 punti e 6 rimbalzi. Nel secondo quarto Cleveland cerca di chiudere le partita, incrementando il distacco dagli Heat con una doppia cifra. Grazie ad un paio di fast break points, Miami torna in gara. Terzo quarto che inizia con le squadre in equilibrio e termina con i Cavs in volata. A spaccare la partita, un ritrovato Varejao. Il centro brasiliano, che ha saltato gran parte della stagione scorsa per infortunio, contribuisce con 8 rimbalzi al buon lavoro difensivo dei suoi compagni. Con un paio di alley-oops tra Dellavedova e Thompson, il pubblico di Cleveland si infiamma, mentre gli Heat perdono le speranza di portare a casa la seconda vittoria in due gare. Nell’ultimo quarto, nonostante le riserve in campo per quasi tutti e dodici i minuti, i Cavaliers fanno registrare una sola palla persa. Da sottolineare le esplosive prestazioni di Hassan Whiteside, 11 punti 9 rimbalzi e ben 6 stoppate, e Tristan Thompson. Il centro canadese, che solo la scorsa settimana ha firmato il rinnovo contrattuale a 82 milioni in 5 anni, è stato acclamato per tutta la partita dai suoi tifosi, ricambiando con 13 punti, 9 rimbalzi, e 1 stoppata.