Negato rigore al Sassuolo ma in TV nessun replay e il VAR tace

0
De Ligt
Mathijs De Ligt, difensore della Juventus. Fonte WIkipedie

Episodio curioso quello accaduto all’Allianz Stadium di Torino durante il match che ha messo una di fronte all’altra Juventus e Sassuolo. In una concitata fase di gioco si ha tutta l’impressione che il difensore bianconero De Ligt entri molto duro su Alfred Duncan all’interno dell’area di rigore.

Il penalty dovrebbe essere immediato ma su questa, tutt’altro che dubbia, circostanza sia l’arbitro La Penna che i suoi collaborati al VAR rimangono in silenzio. Inoltre anche le tv che stanno seguendo gli avvenimenti paiono non voler dare troppa importanza al contatto falloso tanto da non riproporre nemmeno una volta il replay dell’azione.

L’ex arbitro Marelli durante la diretta di “Tutti Convocati“, programma nel palinsesto di Radio 24, commenta così:” Il contatto su Duncan? Difficile avere certezze perchè non ci sono stati replay…la sensazione è che De Ligt abbia toccato Duncan pesantemente. Il pallone era già partito, probabilmente l’olandese è entrato molto in ritardo, strano non avere immagini. Questa di Duncan è una situazione molto strana. Non vedere nemmeno un replay è una cosa particolare per questo è difficile giudicare”.

Sarà la trasmissione “Tiki Taka“, a notte inoltrata, a rimandare le immagini dell’intervento. Tuttavia, anche in quell’occasione, sia l’ex fischietto Cesari che gli altri ospiti in studio continueranno ad esprimere forti dubbi sull’accaduto. Unica voce fuori dal coro quella di “FantAntonioCassano che, con la solita spontaneità, parla di chiaro rigore negato ai neroverdi di De Zerbi.

de ligt

A dirla tutta la domenica di La Penna e collaboratori sembra non essere stata proprio brillantissima. Nella medesima gara sembra, infatti, che manchi un rigore anche a favore della Vecchia Signora con il solito De Ligt come protagonista. La cintura di Kyriakopoulos è più che evidente durante la battuta di un calcio d’angolo pennellato proprio per la testa dell’olandese. In questo caso l’episodio è stato riproposto diverse volte in TV ma gli arbitri hanno comunque deciso per il non sanzionamento.