Nella morsa del Covid: India, Catalogna, California e Hong Kong tornano in lockdown

Aumentano i contagi a livello mondiale e numerosi paesi sono costretti a reintrodurre misure restrittive

0
Hong Kong, fonte Flickr
Hong Kong, fonte Flickr

L’OMS lancia l’allarme e afferma che il peggio della pandemia da coronavirus deve ancora venire. La dimostrazione è lo scoppio di nuovi focolai in tutto il mondo, anche in quegli stati che avevano adottato misure restrittive e ora costretti a reintrodurle per evitare una nuova propagazione del contagio.

Tra i paesi più colpiti troviamo l’India, terza al mondo per numero di contagi (circa 1 milione) e costretta al lockdown nello stato settentrionale del Bihar, dove è stato ordinato un blocco di 15 giorni dal 16 al 31 luglio a causa degli oltre mille contagi registrati per 3 giorni di fila.

Lockdown di 15 giorni anche per 8 comuni della Catalogna, che nelle ultime 24 ore ha fatto registrare 938 nuovi positivi, di cui 246 a Barcellona, 199 a Lleida e 138 a Segrià. Numeri frutto dell’elevato numero di tamponi, soprattutto sugli asintomatici.

Situazione critica negli Stati Uniti, paese più colpito al mondo e alla prese con l’esplosione del contagio in numerosi stati. Lockdown per la California, costretta a chiudere gli esercizi commerciali non essenziali. Serrande abbassate dunque per ristoranti, cinema, teatri, bar, palestre e musei.

Massima allerta anche ad Hong Kong, dove sono state introdotte nuove misure di sicurezza e per il distanziamento sociale. Chiusura dei ristoranti entro le 18 e obbligo di mascherina sui mezzi pubblici. Chiuso anche Disneyland Hong Kong, che aveva riaperto ad inizio giugno.