Niente Cagliari per Eriksen: il debutto in Coppa Italia contro la Viola

0
Christian Eriksen, Foto Wikipedia
Christian Eriksen, Foto Wikipedia

L’Inter è sempre più vicina all’ingaggio di Christian Eriksen e allora ecco che prendono forma anche le ipotesi più stravaganti circa il suo esordio in squadra. In un altro articolo avevamo detto che la probabile “prima” del danese potesse presentarsi già contro il Cagliari, a San Siro, nella seconda giornata di ritorno di A. Eppure i nuovi dettagli emersi in queste ore parlano di un accordo vicino sì, ma che sarà ufficiale solo lunedì prossimo.

Niente Cagliari quindi per il fantasista del Tottenham che però potrebbe assistere all’incontro in tribuna a San Siro dopo aver effettuato le visite mediche per i nerazzurri. Per la gara contro in sardi, quindi, non ci saranno grosse novità per i nerazzurri eccezion fatta (forse) per l’impiego di uno tra Young e Moses. I due neo acquisti nerazzurri saranno comunque convocati e si giocheranno le proprie chance alla pari con il resto della truppa di Conte.

Eriksen, reduce dalla fantastica prestazione in Premier con gli Spurs, si aggregherà alla rosa lunedì prossimo dopo la firma sul contratto che lo legherà all’Inter per i prossimi quattro anni. Le cifre, anche se non ufficiali, dovrebbero aggirarsi su uno stipendio fisso da quasi 8 milioni a stagione e una parte variabile da uno o due milioni legata agli obiettivi raggiunti. Una proposta che ha convinto da subito giocatore e agenti, sbaragliando con slancio anche la concorrenza della Juve.

Sbloccare l’affare subito!

Per quanto riguarda i due club sia il patron Zhang che l’omologo Levy avranno modo di intendersi in una conference call che si preannuncia infuocata. La distanza tra domanda e offerta resta importante. Toccherà a Marotta e al suo staff finanziario cercare la quadratura del cerchio per sbloccare la trattativa e poter annunciare il terzo colpo di un gennaio finora parco di gioie.

La sensazione è che tutto si giocherà suoi bonus da allegare alla parte fissa della cifra di acquisto. Il Tottenham resta granitico nel chiedere 20 milioni per il suo giocatore. L’Inter è arrivata a quindici. L’idea è quella di colmare il gap con premi legati al posizionamento della squadra a fine campionato o alla vittoria di un trofeo come lo scudetto o la coppa nazionale. La stessa coppa che potrebbe vedere Eriksen protagonista mercoledì prossimo.