Nairobi, l’islam che non fa paura

0
Il bus colpito dagli estremisti somali Al Shabaab

Una vicenda che fa ricredere quanti di loro non classificano o differenziano. Oggi un gruppo di islamici salva dei cristiani dalla morte. Siamo a Nairobi, la capitale de Kenya, quando un gruppo di estremisti somali Al Shabaab, assalta un autobus con a bordo 60 passeggeri. I jihadisti chiedono alla folla intimorita di dividersi tra mussulmani e infedeli, ma, mentre i cristiani si preparano a guardare la morte in faccia, gli islamici si rifiutano di obbedire: «Ammazzateci tutti o lasciateci andare, cristiani e musulmani».

In questo stesso luogo un anno fa sono morti altri 28 infedeli, oggi se ne sono slavati 30. Subito dopo aver rifiutato di ascoltare le milizie jihadiste, i mussulmani hanno iniziato a coprire il volto dei cristiani con un velo per evitare qualsiasi identificazione. Purtroppo nonostante queste gesto eroico, ci sono stati comunque delle vittime e dei feriti: due hanno tentato la fuga e perciò sono stati colpiti e uccisi, l’autista e altre due persone sono stati feriti in modo non grave. Le forze del Califfato rimangono così sconvolte da questo gesto che decidono di ritirarsi.