Nuoto, assoluti invernali: Detti si prende anche i 200 sl

0

Gabriele Detti non vuole fermarsi: dopo gli ori di ieri nei 400 e 800 all’apertura degli Open di Riccione, infatti, il livornese si è imposto oggi anche nei 200 sl, infrangendo il suo primato personale(1’48”99) con un significativo 1’48”76, 21 centesimi davanti ad Alex Di Giorgio, mentre il sempreverde Filippo Magnini sale sul terzo gradino del podio in 1’49”42; Gianluca Maglia e Damiano Lestingi chiudono rispettivamente al quarto e al quinto posto.

Non si smentisce Federica Pellegrini, che dopo essere giunta ieri a quota 100, oggi cala il bis ed arriva a 101: grazie al suo 53”15, l’Aniene trionfa nella 4×100 sl( Durante,56”47; Di Liddo,57”46; Pellegrini 53”15; Panzera 55”56), piazzandosi davanti all’Esercito e alla Forestale.

Codia show nei 100 delfino, privati del primatista nazionale Matteo Rivolta, influenzato. Il triestino classe ’89 ferma il cronometro sui 51”95, vicino al 51”69 nuotato alle Universiadi e al record nazionale di Rivolta, 51”64; secondo posto per il greco Andreas Vazajos che tocca davanti al ventenne Daniele D’Angelo.

Carlotta Toni si aggiudica i 400 misti al femminile con un buon 4’43”46.

Nei 50 dorso il primatista Niccolò Bonacchi viene battuto da Simone Sabbioni(25”17), già vincitore nei 100.

La romana Silvia Di Pietro, classe ’93, dopo i 50 stile, fa suoi anche i 50 delfino, toccando in 26”33, prima di Elena Gemo(26”52) ed Ilaria Bianchi(27”37).

I 400 stile libero in rosa vanno all’argento mondiale di staffetta Erica Musso, che con il suo 4’11”56 lascia dietro di sé Martina De Memme e Martina Caramignoli. Martina Carraro,oltre i 100, si aggiudica anche i 50 rana, chiudendo in 31″06: a completare il podio il bronzo europeo Arianna Castiglioni(31″45) e Michela Guzzetti (31″96). Sul fronte maschile invece, i 100 rana parlano uzbeko, grazie a Vladisdav Mustafin che vince in 1’00”95: dietro di lui Andrea Toniato e Fabio Scozzoli. Niente podio per Flavio Bizzarri, spettacolare nei 200 di ieri, che deve accontentarsi del quarto posto.

I velocisti azzurri risultano decisivi nella 4×100 mista, che vedono trionfare le Fiamme Oro in 3’36”30( Orsi,48”47; il dorsista Ciccarese,54”94; il ranista Giorgietti, 1’01”60; il delfinista Rivolta,51”29), con il secondo posto della Forestale di Detti(47”98), con Matteo Giordano per il dorso(56”48), Bizzarri per la rana(1’01”03) e Dioli per il delfino(54”10) a 3”29 ed il terzo delle Fiamme Gialle a 3”78 con Laugeni(55”74), Toniato(1’01”20), Carini(53”77), Maglia(49”37). A 3”85 dai vincitori, l’Aniene chiude al quarto posto(Milli 55”64, Sorriso 1’02”28, Berlincioni 53”89, Magnini 48”34).