Obama: primi provvedimenti sulle armi

0

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha parlato dalla East Room della Casa Bianca i dettagli della stretta sulle armi che già da tempo tiene in cantiere e che ora più che mai è deciso a portare avanti. Il leader del mondo libero ha annunciato la possibilità di scavalcare il Congresso e si è mostrato sempre più deciso a sfidare le lobby delle armi, a conferma anche un tweet dal profilo ufficiale del Presidente: The gun lobby may be holding Congress hostage, but they can’t hold America hostage. We can’t accept this carnage in our communities – La lobby delle armi può forse tenere in ostaggio il Congresso ma non può tenere in ostaggio l’America. Non possiamo accettare queste carneficine nelle nostre comunità.

Sono stati mesi duri per il mondo e per l’America colpita in patria da stragi come quella di San Bernardino e nei campus universitari, che hanno fatto balzare al vertice delle priorità l’esigenza di modificare le normative sulla detenzione delle armi in Usa, twittato il presidente.

Il piano esposto da un visibilmente commosso Obama prevede 10 punti per il controllo delle armi da fuoco negli Stati Uniti potrebbe “salvare vite”, per usare le parole del presidente.

Proprio alla luce di questo colpo di coda sferrato da Barack Obama arriva, sempre dall’America, in Georgia la notizia di una bambina di 2 anni, Calvinyanna Sanders è stata colpita al petto da un proiettile sparato da uno degli altri tre bimbi con cui si trovava in casa che pare usato una pistola incustodita.