Obiettivo quarto posto per l’Inter: il futuro in Europa League può dipendere dal Milan! Ecco perché!

0

Aspettando la Roma. L’Inter non si rassegna a lasciar andar via il terzo posto Champions. Un sogno che, giornata dopo giornata, si allontana sempre di più. A questo punto, l’obiettivo diventa almeno blindare il quarto posto.

LA REALTA’ – Il quarto posto assume un’importanza vitale, sotto tutti i punti di vista, sia economico che tecnico. I motivi sono presto detti e ce li spiega la Gazzetta dello Sport. Il futuro in Europa League potrebbe dipendere dagli odiati cugini del Milan. Andiamo a vedere il perché: “Arrivare quinti significherebbe infatti dipendere dal Milan – si legge -. Se i cugini il 21 maggio vincessero la finale di Coppa Italia contro la Juve, la quinta piazza costringerebbe Icardi e soci al terzo turno preliminare di Europa League previsto il 28 luglio e 4 agosto. Tutto ciò obbligherebbe la società ad anticipare l’inizio del ritiro estivo a fine giugno, con conseguenze pesantissime sull’intera stagione. Il tutto in un’estate infernale. Tra il 10 giugno e il 10 luglio si gioca l’Europeo, che coinvolgerà Brozovic, Perisic, probabilmente Eder, ma forse pure Ranocchia (di rientro dalla Samp), Kondogbia e Manaj. Il 4 giugno scatta invece la Coppa America (finale il 27 giugno), con Medel, Miranda e Murillo. In agosto (il torneo di calcio è in programma dal 3 al 20 agosto) c’è l’Olimpiade di Rio, cui dovrebbero partecipare lo stesso Miranda e Icardi. Arrivare quarti invece significherebbe che l’Inter andrebbe direttamente alla fase a gironi che (botteghino compreso) frutta 10-15 milioni, con la possibilità di aumentare di molto i ricavi qualificandosi per la fase ad eliminazione diretta”. Una prospettiva inquietante, ma oggettivamente realistica. Mentre l’Inter vola sul fronte mercato, con Yaya Touré ormai vicinissimo, le vicende di campo sono quelle che preoccupano maggiormente i tifosi nerazzurri. Uno sguardo all’indietro ed uno in avanti nel finale di stagione. Potrebbe essere tutto nelle mani del Milan! Incredibile, ma vero!