Olanda, parte il toto-allenatori: anche Seedorf tra i papabili

0

La nazionale Olandese deve far fronte ad un nuovo fallimento: l’ uscita dal palcoscenico degli Europei è cosa molto grave e bisogna ripartire da zero per evitare altre eventuali debàcle future e per non oscurare un Mondiale, come quello precedente in Brasile, in cui è arrivato un terzo posto di prestigio. In questo senso, l’ avventura di Danny Blind sulla panchina degli Orange è ormai agli sgoccioli e il suo futuro sembra ormai segnato. Per la sua successione, c’è un ipotesi al quanto suggestiva: Clarence Seedorf. L’ ex Milan, liquidato proprio dalla società rossonera nel 2014 dopo soli 6 mesi di panchina ( e ancora sul libro paga della società ), potrebbe avere una chance per dirigere la nazionale olandese verso i prossimi Mondiali del 2018 in Russia. Per carisma, voglia di emergere e idee di gioco prettamente offensive, potrebbe essere il profilo giusto per riaprire un ciclo. Il Milan stesso tifa Seedorf e il motivo è semplice: l’ olandese è sotto contratto con la società fino al giugno del 2016 e un suo eventuale approdo sulla panchina degli Orange permetterebbe ai rossoneri di risparmiare un anno di ingaggio. Pertanto, una decisione a riguardo verrà presa soltanto nei prossimi giorni. Intanto, è stato contattato anche Ronald Koeman, che ha gentilmente declinato, dicendo di essere ampiamente soddisfatto di rimanere al Southampton, club col quale sta facendo un ottimo lavoro. Danny Blind, dal canto suo, ha cercato di trovare i motivi della disfatta orange: ” Bisogna ricordarsi che non siamo la Germania o la Spagna, che hanno una rosa ampia e di grandissima qualità. Dico questo, perchè siamo stati soggetti a infortuni perennemente e siamo stati per un po’ di tempo senza ben 12-13 giocatori. Non abbiamo una panchina lunga per poter sopperire alle assenze e pertanto credo che questo sia stato uno dei motivi fondamentali di questa tragedia. Bisogna guardare avanti. Io via? Deciderà la Federazione. Io non mi tiro indietro e non ho intenzione di abbandonare la nave.