Pallotta ci va giù duro, in pieno stile americano: “Dedico un coro alla Curva della Roma!”

0

Un derby vinto porta con sé euforia, gioia, sfottò. Come vorremmo sempre il calcio, insomma. Sano e genuino divertimento. Nulla di più. Peccato che non ci sia stato lo stesso spettacolo proposto in campo sugli spalti. Il provvedimento degli scorsi giorni sulla divisione delle curve ha suscitato non poche polemiche tra i tifosi, soprattutto della Roma. Quella Curva Sud vuota a metà fa male ad ogni sportivo. Da Boston, via Roma, arrivano, intanto, le parole taglienti del numero uno giallorosso James Pallotta. Il presidentissimo americano si è fatto scappare anche un duro attacco alla curva giallorossa, come nel suo stile: “Sono molto felice. La Roma ha giocato da squadra per 90 minuti e mi è parsa in grande forma fisica. Spero solo che Salah stia bene. Siamo soddisfatti del nostro cammino finora. Il successo nel derby vale doppio. La squadra è costruita per vincere, ma dobbiamo confermare questa mentalità. Finalmente non abbiamo preso gol. Questa è una notizia. Avevamo tante assenze, ma nonostante ciò abbiamo dominato il gioco e il campo. A chi protesta dico che durante il derby sono io che ho cantato: “E la curva dove sta?”. Agli ultrà ricordo che sono a Boston e sto provando a costruire uno stadio per la Roma. Magari lo apprezzeranno”. Polemica infinita sull’asse Pallotta-tifo. Contorni di una Roma che, intanto, comincia a volare sul campo.