Perchè per investire nel forex, la strategia è tutto?

0
Fonte foto: pixabay

Cosa significa investire nel forex

Il termine forex deriva dalla fusione di due parole di lingua inglese: foreign, cioè straniero, e exchange cioè scambio. Quindi letteralmente può essere tradotto come scambio di valute straniere. Gli economisti lo hanno addirittura definito come il mercato economico finanziario più grande al mondo.

Quindi fare forex significa iniziare a fare compravendita di valute appartenenti ai più diversi mercati mondiali. Detto in questi termini, sembra una procedura abbastanza complessa, ma in realtà è molto più facile di quanto possa sembrare, anche grazie ai numerosi siti del settore presenti in internet.

Ma come è possibile guadagnare semplicemente scambiando monete estere?
La risposta è molto semplice. Il tutto sta nel mantenersi costantemente aggiornati sull’andamento del valore delle diverse monete nel tempo, in modo tale da poter capire quali sono in “discesa” e quindi convenienti da acquistare, e quali, invece, sono in “salita” per percepire il momento migliore per venderle e quindi ricavare un certo guadagno.

Attenzione, però, perchè è possibile anche guadagnare al “ribasso” e non solo al “rialzo”, avendo l’intuizione e il coraggio per acquistare valute sperando nel loro successivo incremento di valore o vendendone altre nell’attesa di un ribazzo del prezzo.

Come è ovvio pensare, però, tutte queste compravendite non sono gratuite, ma hanno un costo: quello dello spread (le commissioni) che spettano al nostro broker forex. Naturalmente niente di paragonabile rispetto alle classiche commissioni che si potrebbero pagare ad una banca per fare le stesse operazioni.

Già da queste prime spiegazioni si può capire come alla base dell’attività di forex ci siano inevitabilmente la strategia, la lungimiranza e la perspicacia. Sì, perchè data l’estrema rapidità degli scambi e le dimensioni di questo mercato finanziario globale, è fondamentale crearsi un piano strategico, tenerlo ben presente ed essere in grado di modificarlo ed adattarlo nel tempo.
Molto importante, anche il costante aggiornamento sulle tematiche vicine al singolo valore, come per esempio gli assetti geopolitici. Uno spazio online sempre aggiornato è www.forextradingitalia.it.

Per investire nel forex, infatti si deve creare una propria personale strategia che dovrà essere strettamente connessa con gli obiettivi che ci vogliamo porre, i rischi che siamo disposti a correre, la nostra esperienza e le nostre competenze, il tempo che vogliamo e possiamo dedicare all’attività e la somma che ci possiamo permettere di investire all’inizio.

Quindi, è proprio vero che la strategia è tutto!

La scelta della piattaforma

Il primo passo della nostra strategia di azione è proprio la scelta della piattaforma internet a cui affidarci per iniziare a fare forex. Queste, alcune delle caratteristiche da considerare nell’analisi preliminare per scegliere la piattaforma migliore:
  • cifra minima richiesta per iniziare l’attività
  • possibilità di fare pratica con del denaro finto in un mercato virtuale
  • assenza di commissioni fisse o canoni mensili. Il guadagno mensile del broker dovrebbe derivare solo dallo spread che, tra l’altro, ci è già noto ad ogni compravendita
  • tempi e modalità per ottenere la restituzione dei guadagni o anche del capitale iniziale investito

Strategia che tenga conto di un certo grado di cautela

Come si può immaginare, fare forex è comunque rischioso perchè così come si può guadagnare, si può anche perdere. Attenzione, quindi, a tutti quei siti che promettono solamente falsi e rapidi guadagni, senza mettere in conto la possibilità di un’inversione di tendenza.

Sulla base di questa saggia considerazione, il secondo aspetto strategico da affrontare è perciò la definizione della reale somma che ci possiamo permettere di investire e soprattutto eventualmente anche di perdere, e limitarci a quella senza farci prendere dall’entusiasmo del trading.

Le strategie di azione

Dopo aver posto le basi dell’attività di trading, bisogna decidere quale strategia adottare nel forex. Esistono fondamentalmente tre possibili strategie:

1) day trading: tutte le attività vengono aperte e chiuse nell’arco della giornata. In questo modo non si devono pagare le eventuali commissioni notturne al proprio broker e, soprattutto, non si possono correre rischi nel caso di randi stravolgimeneti nel mercato delle valute nel corso della notte

2) scalping trading: il sinonimo di questo tipo di strategia è rapidità di compravendita. In questo caso, infatti, il trader acquista e vende valute, conservandole per brevissimi momenti, a volte attimi. Da ogni compravendita ricava cifre molto basse, ma il reale guadagno è dato dal numero delle azioni fatte

3) position trading: è l’esatto opposto della precedente. In questo caso il trader apre poche posizioni in contemporanea, con l’intento di mantenerle a lungo, a volte anche per alcuni mesi, aspettando il momento più adatto per venderle. Chi fa questo tipo di forex, quindi, deve avere il tempo e la possibilità di mantenere impegnato il capitale investito

Ultimo aspetto strategico: l’istinto

L’istinto e le proprie emozioni non devono di certo essere la sola guida nelle azioni di trading, anzi la razionalità deve sempre farla da padrone, ma si deve comunque ricordare che ascoltare se stessi, la spinta del momento e le proprie intuizioni a volte è davvero quello che fa la differenza!