Piatek zittisce tutti e rifiuta la richiesta del Milan di parlare al termine della gara con il Verona: ecco perché

Piatek segna il rigore decisivo e regala i 3 punti al Milan nella sfida con il Verona, poi l'esultanza polemica e il rifiuto di parlare

0
Piatek, Milan, fonte Di Occhi91 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=76532614
Piatek, Milan, fonte Di Occhi91 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=76532614

Grazie alla rete messa a segno su rigore nella ripresa Krzysztof Piatek ha permesso al Milan di guadagnare tre punti pesanti sul campo del Verona. Un gol cercato da tempo con tanto di esultanza polemica verso chi l’ha criticato in questi mesi.

Il Milan al termine della gara ha chiesto al giocatore di presentarsi dinnanzi alle telecamere per chiarire l’accaduto ma l’attaccante ha rifiutato. Un comportamento spiegato Peppe Di Stefano, inviato di Sky Sport al Bentegodi, che ha svelato perché Piatek ha deciso di non parlare:

“L’ufficio stampa del Milan ha chiesto a Piatek di parlare alla fine della partita. Il polacco ha detto di no, ha preferito non parlare perché è ancora nervoso.

La sua esultanza nasce perché ce l’ha con tutti: lo hanno criticato tutti i media e alcuni tifosi, comprensibilmente perché non ha mai fatto gol in questa stagione. E lui si è sfogato, la polemica è stata poi alimentata dalla scelta di non parlare”.

Il Milan ora spera che il giocatore si sia sbloccato definitivamente e contribuisca in maniera decisiva nelle prossime partite con le prestazioni ammirate nello scorso anno.