Pirlo in confusione, la concretezza della Juve di Allegri è un ricordo ma per Agnelli non è in discussione

Momento complicato per la nuova Juve di Pirlo, ma la società crede nel tecnico

0
Andrea Pirlo, fonte Flickr
Andrea Pirlo, fonte Flickr

Quella vista in queste prime uscite stagionali non è certo la Juventus che i tifosi si aspettavano, la squadra di Andrea Pirlo sta faticando a trovare gioco e continuità di risultati e qualche malumore dall’ambiente si inizia a percepire.

Pirlo è apparso in confusione, i continui cambi di formazione e le difficoltà nel dare un’impronta ben precisa alla squadra l’hanno resa poco sicura, c’è questo alla base dei risultati altalenanti dell’ultimo periodo.

La società e gli stessi tifosi erano consapevoli che ci sarebbe voluto tempo per plasmare il nuovo gruppo, ma per battere avversari non irresistibili come Verona, Crotone e Benevento non era necessario un gioco spettacolare ma concretezza e determinazione, doti che hanno portato in alto la Juve di Allegri.

E pensare che ora c’è chi spera in un ritorno dell’ex tecnico bianconero, fortemente criticato da parte della piazza quando è andato via per un gioco non esaltante nonostante i grandi risultati raggiunti.

Al momento, però, la Juventus va avanti, crede in Pirlo e non ha preso in considerazione l’idea di esonerare il tecnico. Il ritorno di Allegri o un imminente cambio in panchina attualmente sono ipotesi da scartare.